lunedì 29 agosto 2016

LA FOLGORANTE RIPRESA DELL'ITALIA (GRAFICO AGGIORNATO AL II TRIM. 2016)

Quello che segue è un grafico che conoscete già, aggiornato considerando le variazioni del PIL del secondo trimestre 2016 (Canada al primo trim. 2016), recentemente comunicate.
Per gli ultimi arrivati, è utile ricordare che si tratta della performance del PIL dei paesi considerati, ponendo come base 100 il primo trimestre del 2008.

Tutti i paesi sono tornati a sopra i livelli precedenti la crisi (perfino l'Area euro a 19 paesi). Tutti tranne l'Italia, che naviga ancora nell'abisso. 
Ora, come potete vedere,  la grande recessione è finita nel secondo trimestre del 2009, e quindi, gli altri paesi, sono almeno 7 anni che crescono. Un ciclo abbastanza maturo e anche stanco, stando ai dati (deboli) che giungono dalle altre economie.


L'Italia, secondo il governo (Renzi), sarebbe dovuta essere "la locomotiva dell'europa".


Per sfatare tutta la propaganda sulla ripresa (quale?) dell'Italia per merito del governo Renzi, è sufficiente un semplice grafico.

Tenuto conto che il governo in carica è nato nel corso del primo trimestre 2014, ho confrontato la variazione cumulata del Pil reale dell'Italia e di alcuni paesi dell'Eurozona. Lo spaccato che ne esce è rappresentato nel grafico che segue.


Come vedete, l'Italia cresce molto meno di altre economie ad essa paragonabili per dimensioni (Germania, Francia e Spagna). Tenete inoltre presente che la debole performance dell'italia è ottenuta grazie a tre condizioni straordinariamente favorevoli e sicuramente non eterne: Euro debole, tassi a zero e bassi prezzi del petrolio.

Ps: Ovviamente la colpa non è di Renzi, perlomeno non tutta. Nelle condizioni in cui versa l'Italia, qualsiasi governo può fare assai poco per far crescere il paese.

7 commenti:

  1. Il problema non e' Renzo. Poco o ma sicuro. Lo sostengo da decenni (3) che il problema sono gli italiani. E' un problema irrisolvibile......se non espatriando.
    Non sto a spiegarne i motivi. Tempo perso. Di sicuro, lavorando dal 1980 coi "sassoni" i motivi ( tanti) li ho focalizzati.........appunto da tre decenni. Il paese nelle sostanza e' una colonia. Sotto qualsiasi punto di vista. Non solo economico..........quello e' la conseguenza di un DNA ......nato male.
    In natura alla lunga restano i piu' forti...........SEMPRE. Mettiamoci l'animo in pace..........mangiando bene fin che si potra' farlo.....:-) ....:-) .....:-)

    RispondiElimina
  2. Ed ora, giunti sul fondo, inizireme a scavare,..... che' non c'è limite al peggio. E mi fa pure arrabbiare pensare alla inettitudine della maggior parte di quanti stanno al governo. Fossero costoro stati nel mio team.... un calcio nel didietro non lo avrei loro sicuramente risparmiato.

    RispondiElimina
  3. Esiste ancora gente che senza vergogna e disinvoltamente dice di sostenere renzi.... :/ ?
    Ecco questo è il vero grande problema degli italiani, masochismo, rassegnazione, mancanza di dignità, vittimismo.
    Il potenziale per cambiare ce ne sarebbe in abbondanza, quello che manca e la volontà e il coraggio di uscire dalla gabbia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come puoi leggere nel post del 29/8 per capire l'' essenza dell' italianita' bisogna aver lavorato anni con gente che parla tedesco............non importa se zurighesi....bavaresi....o viennesi. Si apre un mondo opposto alla visuale dell'italico pensiero. Quello che salvo di questo paese e' solo una cosa....dove siamo imbattibili : il cibo.
      Non esiste al mondo un popolo come l'italiano. Un artista del mangiare in tutti i sensi.
      Uno che mangia anche il suo futuro e quello dei figli.......e dei nipoti.
      GRANDEEEEEE...............alla Renato Zero.......per capirci....:-) ..:-) ..:-) ..:-)

      Elimina