martedì 5 luglio 2016

"INVESTITE SU MONTE PASCHI, E' UN VERO AFFARE", DISSE RENZI

Quello che vedete in seguito è il titolo di un articolo de Il Sole 24 Ore del 22 gennaio scorso, nel quale il Premier invitava i risparmiatori ad investire in Monte Paschi (l'articolo potete trovarlo QUI)


Da quella data, ecco a voi l'andamento del titolo in borsa.


I risparmiatori, da 22 gennaio, hanno perso circa il 60%.

Qualsiasi consulente che si fosse avventurato a suggerire di acquistare MPS come ha fatto Renzi, oggi sarebbe già sospeso o radiato dall'albo. Ma questo non vale per Renzi, che è Presidente del Consiglio.

E che dire di Davide Serra, amico di Renzi e gestore dei fondi Algebris, che prima del referendum in Gran Bretagna invitava ad investire sui titoli bancari?

Risultato? Titoli bancari  schiantati in borsa (e investitori assai incazzati, direi)

Ritornando a Monte Pachi, vale la pena ricordare quanto scritto ieri da Repubblica, che ha riportato il richiamo della BCE a Mps, invitandola a vendere 10 miliardi di sofferenze.

Vendere più cattivi crediti però non è semplice né indolore. Poiché Mps li valuta in bilancio in media il 39% del loro valore nominale, mentre sul mercato un euro di sofferenze si compra in media a 20 centesimi, ripulire per bene i libri potrebbe generare un ammanco di capitale fino a 3 miliardi, il triplo della capitalizzazione di Borsa (siamo a 1,12 miliardi dopo la perdita del 69% da gennaio). Ma per la "cabina di regia" romana che in queste ore cerca di salvare il salvabile, i soci Mps non sono più il problema, benché anche il Tesoro abbia un 4%.
Nel frattempo, mentre sto scrivendo, la capitalizzazione di Mps è scesa a 964 milioni di euro.


5 commenti:

  1. L'duomo della trimurti finanziaria e' stato scelto a tavolino dopo che i primi due avevano fallito.
    Certo che rispetto all'duomo di Arcore lo ha stracciato alla grande in fatto di sparate.
    Sono all'ultima spiaggia col referendum percio' cominceranno a inizio settembre a muoversi con l'operazione terrore finanziario. State ne certi che si muoveranno tutti i burattini mediatici e non ben manipolati dai burattinai d'oltre frontiera. Io credo che il gioco reggera' ancora a lungo perche' tutti avranno paura di lasciare il noto x l'ignoto. E cosi la strada x la poverta' e' inesorabilmente tracciata.
    Tempo max 10 anni e i cinesi ( dal colore della pelle modificata dal fegato) saranno a portata di mano senza piu' investire in Cina. E anche l'Africa l'avremo in casa grazie ai nuovi villeggianti............
    Quanto non invidio i ventenni............oddio quanto.................:-) ....:-) ......:-) .......auguri di cuore.

    RispondiElimina
  2. ....lasciate ogni speranza voi che entrate nel mondo capitalista..........dal paradiso all'inferno x il godimento perpetuo di pochi eletti ( e non eletti anche)..........:-) .......un delirio poco ma molto poco sapiens...............anzi proprio demens mi vien da dire. Per fortuna che si invecchia e un giorno non romperanno piu' i coglioni.......sperando di non ritrovarseli dall'altra parte.......:-) ......:-) ...............:-)

    RispondiElimina
  3. Io gli detti retta. Poi a piu 20 per cento vendetti. Il consiglio era buono, non disse mica compratelo e mettetelo in un cassetto :) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo. Peccato che il 95% che investe ci rimette sempre alla lunga.
      Glielo dice uno che di professione fa il controller e gira numeri dal 1980.
      Quello che guadagna veramente e' quello che investe solo nei tracolli dei mercati ( tipo settembre 2001) cifre significative. Una piccolissima minoranza dal sangue freddo e che sa come funziona la psiche umana...........comunque ben ha fatto a vendere dopo un 20%.
      Io per esempio ho la soglia ben sotto. L'ingordigia riempie le mani di mosche. Sempre.

      Elimina
  4. niente di nuovo dal bugiardo !

    RispondiElimina