giovedì 17 marzo 2016

I RENDIMENTI DEI TITOLI GOVERNATIVI NEI VARI PAESI

Quella che vedete in seguito è una griglia nella quale, per ogni paese considerato, viene riportato il rendimento del titolo di stato associato alla singola scadenza.

Come vedete, gran parte dei titoli offrono rendimenti negativi (parte gialla). Secondo J.P. Morgan, nel mondo, ci sono in circolazione circa 6000 miliardi di dollari di titoli che offrono rendimento negativo. In buona sostanza, come già detto QUI, l'obbligazionario governativo area euro è stato completamento distrutto in termini di rendimento e profittabilità. La stessa sorte sta toccando all'obbligazionario corporate. E prima che si possa ricostituire del rendimento apprezzabile in questa asset (predominante nei portafogli degli italiani), passeranno anni, e soprattutto molte perdite. Per il semplice motivo che se non dovesse ripartire l'inflazione, potremmo trovarci dinanzi a possibili ristrutturazioni dei debiti sovrani; mentre se l'inflazione dovesse ripartire, le perdite saranno subite dai portafogli obbligazionari. 


Ps: temo che i risparmiatori italiani non abbiano ben compreso di cosa si sta parlando

6 commenti:

  1. Ma come si spiega che nonostante questi rendimenti si continuino a pagare qualcosa come 70 miliardi di euro di interessi sul debito, almeno così mi risulta. grazie

    RispondiElimina
  2. Misteri..."gaudiosi" per alcuni, e..."dolorosi"...per il Popolo...Misteri...!

    RispondiElimina
  3. Interessante ma non capisco il punto: se riparte l'inflazione è un disastro, se riparte... idem. Quindi...?

    RispondiElimina
  4. Perchè gli interessi cosi bassi si pagano sul debito via via va in scadenza e che si rinnova

    RispondiElimina
  5. può gentilmente spiegare cosa succede a 10.000 euro investiti in obbligazioni usa a 30 anni se il dollaro va a alla pari o sotto l'euro? cordiali saluti

    RispondiElimina
  6. Ogni prodotto acquistato in valuta è soggetto al rischio valutario. Salvo default dell'emittente, alla scadenza o al momento del riscatto anticipato il controvalore subirà una variazione dovuta al rapporto euro/dollaro del momento.

    RispondiElimina