domenica 10 gennaio 2016

IN CHE MODO LE IMPRESE (E I RISPARMIATORI) POSSONO EVITARE IL BAIL IN

Negli ultimi giorni ho ricevute molte istanze da parte di imprenditori che mi hanno chiesto in che modo potrebbero difendere la liquidità delle rispettive imprese  dalle nuove regole del bail in. Con questo post cercherò di dare alcune risposte ( le più immediate) e le soluzioni proposte riguardano anche i singoli risparmiatori.

Nella gestione di un'impresa può capitare che vi siano saldi attivi di conto corrente anche per importi importanti. Solo a titolo di esempio non esaustivo, si pensi al ciclo finanziario di quelle imprese particolarmente virtuose nelle quali, magari, anche  per la tipologia di attività svolta, i flussi di cassa restituiscono sistematicamente saldi positivi di conto corrente, anche per importi considerevoli. Si pensi, inoltre, a tutte quelle imprese che producono utili senza essere distribuiti ai soci e senza essere investiti in piani di sviluppo aziendale. Con le nuove regole sui salvataggi bancari si pone il problema di evitare che  queste sostanze possano essere coinvolte nei salvataggi bancari.

La prima regola da osservare è che questa liquidità in eccesso dovrebbe essere trasferita a favore di banche sicure. In Italia, contrariamente a ciò che sostengono alcuni "commentatori" (che cercano di fare affari sulla paura delle persone), posso assicurarvi che, banche sicure, ne esistono e sono banche la cui possibilità di dissesto è fattore di rischio assai remoto. 


Ma se ciò non dovesse convincere, esiste sempre la soluzione di affidare la liquidità in eccesso ad una banca (ritenuta sicura) residente all'estero, in un paese più sicuro dell'Italia, sapendo che, comunque, la soluzione estera, se l'impresa (o il risparmiatore) ha residenza in Italia, non esclude  altri fattori di rischio, come ad esempio un'eventuale imposta patrimoniale, in quanto trattasi di attività che devono essere dichiarate nel quadro RW della dichiarazione dei redditi.

Se proprio non volete abbandonare la banca (non si capisce il motivo)  per la quale state nutrendo dei dubbi sulla sua solidità (magari a ragione) esiste un'altra possibilità, che è quella di investire la liquidità in eccesso, magari a favore di qualche attività che sfugga alle nuove regole sulla risoluzione delle banche in crisi, in vigore dallo scorso primo gennaio.

A tal riguardo può soccorrervi la lettura della guida predisposta dalla Banca d'Italia, dalla quale emerge che:

In merito al punto i) "depositi protetti dal sistema di garanzia dei depositi",  vi invito a leggere: Quanto sono protetti i depositi bancari?

Inoltre, siccome le regole sono fatte per essere modificate, la stessa Banca d'Italia precisa che:
Le passività non espressamente escluse possono essere sottoposte a bail-in. Tuttavia, in circostanze eccezionali, quando l’applicazione dello strumento comporti, ad esempio, un rischio per la stabilità finanziaria o comprometta la continuità di funzioni essenziali, le autorità possono discrezionalmente escludere ulteriori passività; tali esclusioni sono soggette a limiti e condizioni e devono essere approvate dalla Commissione europea. Le perdite non assorbite dai creditori esclusi in via discrezionale possono essere trasferite al fondo di risoluzione (cfr. infra) che può intervenire nella misura massima del 5 per cento del totale del passivo, a condizione che sia stato applicato un bail-in minimo pari all’8 per cento delle passività totali. 

Da ciò se ne deduce che, ad esempio, i dossier titoli che ospitano investimenti di carattere finanziario (obbligazioni, azioni ecc) sono esclusi dalle regole dal bail in.
Ecco che, pur non cambiando banca (anche se si suggerisce di cambiarla), le attività liquide giacenti sui conti correnti delle imprese possono sfuggire alle regole del bail-in semplicemente investendole. E' ovvio che non dovrebbero essere investite in strumenti riconducibili alla banca della quale se ne dubita la solidità. Inoltre, visto il contesto particolarmente articolato di cui abbiamo detto QUI,  dovrebbe essere mantenuto un profilo prudente e fortemente diversificato in modo da ridurre quanto più possibile i rischi.

 Ad esempio un portafoglio di fondi comuni prudenti potrebbe essere la soluzione ideale. In questo modo, non solo il patrimonio del fondo (e quindi il vostro investimento) è separato dalla banca della quale ci si ostina a rimanere clienti (nonostante i dubbi sull'eventuale dissesto), ma è ulteriormente separato dalla società di gestione (SGR) che lo gestisce.

Questo sistema, tuttavia, presuppone che la liquidità sia in qualche modo immobilizzata nell'investimento, anche se è possibile ottenere il disinvestimento del fondo comune in tempi solleciti (al massimo 15 giorni). Ciò comporta che dovrebbe essere investita solo la liquidità ritenuta in eccesso, ossia  non necessaria allo svolgimento dell'attività di impresa. 

E per  la liquidità necessaria all'attività, che si fa? che soluzione potrebbe esserci?

Fermo restando che il suggerimento  rimane sempre quello di cambiare banca, se proprio non ve la sentite o se vi sta così simpatico il direttore, il suggerimento è quello di privarvi completamente della liquidità, azzerando il conto corrente, e investire anche queste somme negli strumenti di cui abbiamo detto sopra. Ma è ovvio che l'impresa non potrebbe sopravvivere, in assenza di liquidità. Ecco quindi che l'impresa dovrebbe farsi affidare dalla banca (scoperto di conto), magari ponendo a garanzia il portafoglio di fondi comuni (o parte di essi) sottoscritti, in modo da ottenere condizioni di maggior favore per via di un minor rischio sopportato dalla banca per la linea di credito che vi è stata concessa.

E' ovvio che, in questo caso, stiamo parlando di soluzioni abbastanza estreme, che comunque dovrebbero essere valute anche in relazione agli interessi passivi della linea di credito ottenuta, e alla deducibilità degli stessi dal reddito d'impresa, sapendo che nel caso delle società di capitali questi possono essere dedotti nei limiti del 30% del reddito operativo lordo.

Ad ogni buon conto, proprio per soddisfare le esigenze di quelle imprese che intendono ricorrere a queste soluzioni, ho predisposto un sevizio dedicato di estrema flessibilità, con elevatissimi standard di prudenza, idoneo a soddisfare le esigenze più complesse e articolate.
Coloro che sono interessati a valutarne la possibilità, possono contattarmi via email all'indirizzo paolocardena@gmail.com indicando nome, cognome e recapito telefonico.

Potrebbero anche interessarvi:

Buoni fruttiferi postali e pacchi statali
Banche italiane: i rischi sono tutti noti?
I titoli di stato in portafoglio alle banche italiane

3 commenti:

  1. In riferimento ai fondi comuni ne ho acquistato una piccola cifra di acomea sgr. Ho letto delle ottime recensioni ma da quando ho acquistato (7 agosto 2015) il fondo ha perso tantissimo nonostante io abbia scelto il più prudente dei proposti sull'app gimme5.
    Potete darmi qualche vostra impressione riguardo questi fondi? Il fondo in questione è "acomea patrimonio prudente a2"
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta è in ciò che ha già scritto: non si possono scegliere i fondi in base a delle recensioni, ma occorre valutare molti altri parametri. E questo vale per ogni tipo di investimento. Se gradisce saperne di più può contattarmi all'indirizzo paolocardena@gmail.com

      Elimina
  2. buongiorno,
    la tutela dei 100.000 euro è relativa anche per i conti aziendali? Grazie mille

    RispondiElimina