lunedì 21 settembre 2015

ELOGIO DEL CONTANTE

A proposito del contate, già un paio di anni fa scrivevo  che "...nella vita comune, l'utilizzo del denaro contante è  una delle cose più normali che esista. La possibilità di utilizzare denaro contante per compensare transazioni commerciali, costituisce elemento di libertà di  ogni essere umano, oltre che motore di sviluppo alla crescita economica e al benessere collettivo.
Quotidianamente, avvengono milioni e milioni di transazioni che hanno come contropartita l'utilizzo del denaro contate,  senza il quale, con ogni probabilità, parte di queste non avverrebbero mai, o avverrebbero in maniera sensibilmente ridotta.

L'utilizzo del denaro contante è semplice, è pratico, è efficace, è veloce e non è costoso.Questo, unito alla possibilità di utilizzare anche altre forme di pagamento che il progresso tecnologico ha reso disponibile, contribuisce ad elevare il grado di efficienza della società.

Chi segue questi pixel conosce perfettamente che l'autore di questo blog è molto sensibile al tema del contante, soprattutto in un contesto nel quale, spesso e con troppa facilità, i vari attori politici che si alternano nel triste panorama nazionale,  manifestano l'intenzione (poi trasformata in realtà) di limitarne l'utilizzo, dando in pasto all'opinione pubblica che l'evasione possa essere sconfitta attraverso l'eliminazione o la riduzione dell''utilizzo di questo pratico strumento. Nulla di più falso, e i fatti lo confermano.

Alla luce di questa breve premessa,  non posso fare a meno di segnalavi che è uscito il nuovo libro dell'amico Leonardo Facco che si intitola 


Un libro imperdibile nel quale l'autore, utilizzando analisi oggettive,  riafferma  che "la difesa del contante è semplicemente la difesa del solo, ultimo centimetro rimasto di libertà monetaria. Un ultimo centimetro importantissimo dal punto di vista economico per varie ragioni discusse nel libro, che smonta tutte le “giustificazioni” insensate e spiega perché l’eliminazione del contante, in quanto ultimo tassello mancante alla totale sovietizzazione del sistema monetario e creditizio, oltre a violare ulteriormente la libertà avrebbe effetti economici di lungo periodo ancor più distruttivi in termini di ricchezza e di crescita economica rispetto alla pur negativa situazione attuale."

Continua su MiglioVerde




1 commento: