domenica 9 agosto 2015

CONTINUA IL DETERIORAMENTO DELL'ECONOMIA CINESE

Guest post di Fabio Lugano, che ringrazio.

Da ScenariEconomici,

La situazione dell’economia cinese non sembra migliorare, e non parliamo solo dei problemi relativi alla borsa di Shanghai, ma anche all’andamento della produzione industriale e del settore immobiliare.
Qui di seguito presenteremo alcuni indicatori per far comprendere i molti aspetti che stanno ancorando l’economia del dragone
A) BORSA DI SHANGHAI
abbiamo già scritto su questo tema a partire dalla metà di maggio, per cui non ci soffermeremo molto . presentiamo solo un bel grafico con la chiusura al 3/8 a 3622.
shanghai 1 anno 3-8
Diciamo solo che gli enormi mezzi messi in azione da Pechino non sono riusciti ad invertire la tendenza in modo stabile, ed al massimo hanno rallentato la caduta, che prosegue a fasi alterne. Siamo oltre un calo del 30 % dal massimo, e questo con i soldi delle classi medie strettamente legati al mercato. Questo fattore, per la prima volta nella storia cinese, potrebbe condurre ad una vera instabilità sociale. Le reazioni del governo proseguono: ieri è stata sospesa l’autorizzazione ad operare alla borsa ad un broker americano.
B) CALO DELLE ESPORTAZIONI E DEI CONSUMI
Passiamo ad analizzare l’andamento del PIL cinese in totale e scomposto nelle sue singole componenti.

china gdp
Grazie a questa elaborazione possiamo vedere come, a partire dal 2009, tutte le componenti del PIL presentano dei cali. Nel 2009 le esportazioni cessano di essere un elemento trainante e, dopo quell’anno, anche i consumi e gli investimenti hanno iniziato a calare. Si tratta di un trend per niente positivo.
C) PREVISIONI DEL GDP
La previsione della crescita del PIL non è, quindi , positiva. Nonostante le statistiche siano fortemente influenzate dallo stato,  non ci si attende nessun ritorno ai tassi di crescita degli anni precedenti. Sino al 2020 non si galleggia attorno al 6%… Pochissimo per gli standard cinesi.
china gdp forecast

D) ETA’ MEDIA DELLA POPOLAZIONE IN CRESCITA
Anche la demografia mette in difficoltà la gestione di una crescita ordinata. Grazie a proiezioni della MacQuaire university sul numero di membri della popolazione attiva vediamo come la popolazione in età attiva v errà a calare in modo consistente, anche grazie alla passata politica del “Figlio unico”.
china population
E) CRACK MERCATO IMMOBILIARE.
Se la borsa piange, il mercato immobiliare non ride. L’offerta di immobili sul mercato sta raggiungendo un picco preoccupate, segno che di una offerta strabordante rispetto alla domanda.
vediamo un’elaborazione di business insider su dati Barclays.
china inventory2 Barclays
Abbiamo un picco nell’offerta immobiliare ben superiore al 2012… Insomma il mercato non è guarito, e la fuga della classe media non aiuterà ad assorbile l’offerta. Se a questo si aggiunge la distruzione di ricchezza portata dal crack di borsa avremo delle prospettive non positive.
Insomma la Cina ha dei bei problemi , di non facile soluzione. Paradossalmente il crack borsistico non è il problema maggiore: qualsiasi crack viene riassorbito dal mercato in un adeguato margine di tempo. I problemi maggiori sono quelli strutturali legati all’andamento demografico ed alla funa della classe media. E su questi problemi il Governo dovrà ragionare molto per trovare una soluzione….

2 commenti:

  1. Il capitalismo per vivere deve sempre " divorare" risorse. E' una condanna anche solo pensare alla qualita' della vita dei singoli. Consumi indotti e pianificati nei cervelli delle persone attraverso tecnologie sempre piu' invadenti. Senza che la massa se ne renda conto. Quanto durera' questo gioco al massacro? Non ho idea sui tempi ma che prima o poi si blocchi il tutto a livello planetario ho l'assoluta certezza. Io ragiono su un piano strettamente contabile ( deformazione da controller la chiamo). Ho definito il capitalismo (dopo il 2000) un assurdo contabile. Ne sono sempre piu' convinto. Anzi a dirla tutta la definisco una "ideologia" come molte altre nella storia umana. Ma la più pericolosa e potenzialmente la piu' devastante. Spero di sbagliarmi............. ma il lavoro che faccio da 35 anni mi rende un tantino inquieto verso il futuro. Ripeto, ne faccio una lettura solo contabile. E solo dei pazzi sperano di saldare i debiti con altri debiti per l'eternita'. Il capitalismo e' essenzialmente questo!
    E che una civilta' antichissima come quella cinese sia anch'essa entrata in questo buco nero dovrebbe far riflettere le persone intelligenti. Almeno quelle col "cervello" ancora libero...........
    Buon ferragosto.
    Roberto

    RispondiElimina
  2. mi scusi Paolo Cardenà, ma io non lo chiamerei assolutamente tonfo in borsa......in quanto è semplicemente un riallineamento di un raid di 8 mesi con più 100% del valore di listino........se facciamo i conti sui soldi della classe medie.....direi che i primi 6 mesi dell'anno avevano avuto un balzo di ricchezza un po altino direi.......qua siamo semplicemente tornati sulla terra.......ma mica tanto.....visto che da un listino di 2300 punti siamo finiti a un listino di 3500 ??? Non le pare? Io direi che se questa è una frenata...il nostro mercato è nell'antimateria.......

    RispondiElimina