sabato 23 maggio 2015

DRAGHI SMENTISCE SE STESSO E CONFERMA CHE L'EURO È REVERSIBILE

Come sapete, in questi pixel, abbiamo  avuto sempre un atteggiamento critico nei confronti di Draghi quando afferma che l'euro è irreversibile. Il concetto lo abbiamo già espresso in diversi contributi. Lo ripetiamo, telegraficamente: quale banchiere centrale si sognerebbe mai dire che la moneta che egli rappresenta è irreversibile? Ce la vedete la Yellen affermare che il dollaro è irreversibile? Io no.E penso   nemmeno voi.

Ma, a quanto pare, sembra che Draghi abbia cambiato opinione, confermando ciò che si sapeva già.
Ora la domanda è questa: se l'Europa, in 5 anni, non è riuscita a salvare un paese come la Grecia (che, nel contesto europe,  conta assi poco) come si può pensare che, in tempi solleciti, riesca a riformarsi e salvare l'euro da se stesso?  

Oggi il governatore della Bce Mario Draghi, intervenendo in un convegno a Sintra in Portogallo, ha lanciato un monito: le divergenze strutturali tra i paesi dell'Eurozona possono diventare esplosive e mettere a rischio persino il futuro della moneta unica. «In una unione monetaria non ci si può permettere di avere profonde e crescenti divergenze strutturali tra paesi, perché queste tendono a diventare esplosive», ha detto Draghi a una platea di accademici e banchieri centrali. «Possono arrivare a minacciare l'esistenza dell'unione l'unione monetaria stessa».

Spetta comunque ai singoli Stati, sottolinea ancora Draghi, stabilire come muoversi in questi frangenti: i banchieri centrali «non vogliono essere invadenti e non vogliono dire ai governi cosa devono fare». Draghi ha comunque aggiunto che ora è il momento migliore per fare le riforme strutturali. Sulla istituzione di cui è governatore, Draghi ha anche detto che la crisi ha cambiato la Bce per sempre, precisando però che il mandato dei banchieri centrali è rimasto lo stesso mentre sono gli strumenti ad essere cambiati.


Nell'attesa.... Potete leggere questo e attivarvi

Nessun commento:

Posta un commento