giovedì 13 novembre 2014

QUELLI CHE L'ITALIA E' USCITA DALLA DEFLAZIONE

Non voglio perderci neanche troppo tempo, perché è un tema che non lo merita.
Comunque sia, oggi l'Istat ha comunicato il dato sull'inflazione ad ottobre, risultato in aumento dello 0.1% (0,1%, capito?) rispetto ad ottobre 2013. Ovviamente i giornali (come in questo caso, ma anche in molti altri) hanno cominciato a urlare:  "ITALIA FUORI DALLA DEFLAZIONE", 

Al netto del fatto che il comunicato dell'Istat spiega comunque il perché, va osservato che, nel mese di ottobre, la spinta disinflazionistica si è lievemente attenuata principalmente a causa dell'aumento della bolletta energetica. 
Se non avete voglia di leggere il comunicato dell'Istat, è  sufficiente osservare i due grafici che seguono.

Il primo è l'indice nazionale dei prezzi al consumo (Nic) al lordo dei tabacchi,  che aggrega le diverse divisioni di spesa che compongono l'indice.
Il secondo grafico, invece, rappresenta la dinamica degli indici delle singole divisioni di spesa, tenendo conto che ho considerato le più "rilevanti" per rendere il grafico più comprensibile.



E cosa emerge? Emerge  calma piatta in quasi tutte  le divisioni di spesa, tranne in quella riguardante le tariffe energetiche. Cosa significa questo? Significa che per migliorare i dati sull'inflazione è sufficiente che aumentino le tariffe energetiche o si aumentino le imposte che gravano sul consumatore finale e il gioco è fatto; circostanza  peraltro avvenuta nel mese di ottobre (leggi notizia dall'Ansa). Perché l'Autorità per l'energia serve anche per questo (potete ridere). Il che significa che, con redditi in diminuzione,  gli italiani avranno ancor meno risorse da destinare all'aumento dei consumi di altre divisioni di spesa.


5 commenti:

  1. E' da molto tempo che la leggo con piacere. Sebbene le notizie non sono belle. Precisione delle analisi e capacità di leggere la realtà attraverso i dati. Complimenti

    RispondiElimina
  2. Che non vuol dire nient altro che stagflazione
    Il peggio del peggio che possa capitare.
    Purtroppo la deficienza o ignoranza economica in italia dilaga, il vuoto assoluto, tranne un paio di urlatori nel teserto.
    E' c'è un grande desinteresse su themi economici. E' così al italiano medio si può anche raccontare che la terra è piatta, l'italiano medio ci crede.
    E' così al governo si continua a tentennare è littigare sul niente assoluto, mentre le imprese chiudono è i disocupati aumentano è i crediti delle bance italiane diventano sempre più problemantici.

    RispondiElimina
  3. Bisogna "scendere in campo" capisciame'.

    RispondiElimina
  4. Italia fuori dalla deflazione..?
    No. Italia fuori dalla realtà !

    RispondiElimina