sabato 7 giugno 2014

SI COMMENTA DA SOLO...

Quelli che seguono sono i grafici del Tbond Usa e del Btp decennale.
Oggi il Btp a dieci anni rende appena 16 centesimi di punto in più rispetto al titolo statunitense.
Credo che non  occorra aggiungere altro....


Gli USA gode del massimo merito creditizio, mentre l'Italia è considerata quasi spazzatura...


Ora spiegatemi voi....

11 commenti:

  1. misteri del mercato?
    se volete 4 dati...date un'occhiata qui, cominciando dai ratings, paese per paese:

    http://countryeconomy.com/ratings

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho inserito l'immagine dei ratings, tratta dal sito da te segnalato. Grazie

      Elimina
  2. Follia allo stato puro, Wall Street che vola con il decennale in rialzo, siamo vicini al crash?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di follie..
      Questi sono come la ciliegia del Cile.

      ---------------------------- (Zeus News)
      Sono le ciliegie del Cile l'alimento cui la Coldiretti guarda con maggior disprezzo, poiché per arrivare sulla nostra tavola un chilo di questi frutti deve percorrere qualcosa come 12.000 chilometri, consumando 6,93 kg di petrolio e producendo 21 kg e mezzo di anidride carbonica.
      ---------------------------
      Questa cosa (nel suo piccolo) ti sembra tanto diversa?

      Elimina
  3. Io è un bel po' che penso a come l'Italia con il debito che ha, l'economia che quando va bene sta in stagnazione e tutto il resto che non sto ad elencare perché ne siamo tutti a conoscenza, possa avere il rendimento lordo decennale sul BTP al 2,8%, è assurdo. La BCE sta manipolando i mercati obbligazionari per dare credibiltà a dei paesi semi falliti, in primis il nostro, in sostituzione della politica nazionale che a riguardo continua a fregarsene abbondantemente. Che volete, l'unica forza politica che aveva le idee chiare su come far riaprtire il paese (Scelta Europea), ha ottenuto dal popolo sovrano alle elezioni europee una percentuale da prefisso telefonico. Inizio a dare ragione a Giulio Sapelli quando afferma che il più grande male della democrazia è il suffragio universale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda anonimo, io non conosco il programma di Scelta Europea, ma qui puoi avere il migliore programma immaginabile, ma tanto non te lo fanno fare. Nel Paese delle corporazioni e dei centri di potere puoi avere le migliori intenzioni ma rimangono tali oppure ci vogliono anni per attuarle e non poche vittime lasciate sul cammino. Ci vorrebbe una dittatura? da liberista convinto non ci voglio nemmeno pensare e poi saremmo fuori dal Mondo...come ho scritto in qualche altro commento saranno le leggi dell'Economia a far cambiare le cose, lo hanno già fatto e lo stanno facendo, ma dobbiamo rassegnarci, come in Natura ci vuole il suo tempo.
      Dobbiamo rassegnarci a politici che cercano rimedi e non iniziative, cercare di fare qualcosa ognuno nel nostro piccolo, le ciliegie del Cile lasciale sullo scaffale...vedrai che dopo un pò di tempo smettono di arrivare, aspetta quelle del campo vicino a casa tua...sono piccole cose ma alla fine sommandosi funzionano.

      Elimina
    2. Scelta Europea? Cioè quelli che hanno sostenuto il governo golpista di Monti? Quelli che continuano a sostenere le stesse politiche che ci hanno portato nel baratro? Gli "austeristi" duri e puri in un paese distrutto dall'austerità? Questi farebbero "ripartire il paese"? Ma piuttosto prendiamo una corda e impicchiamoci.

      Elimina
    3. "Saranno le leggi dell'economia a cambiare le cose"
      Quindi,secondo il suo ragionamento(o la sua ideologia) quelli delle corporations e dei "centri di potere"(da lei citati) sarebbero degli sprovveduti(per usare un eufemismo)che non sono a conoscenza che prima o poi arriveranno "le leggi dell'Economia" a fare giustizia.
      P.S. Per la cronaca,quello che dice lei,lo sosteneva anche Carbone(quello di usemlab) 7 anni fa e poi adesso è scappato a Malta....ovviamente in attesa che la mano invisibile rimetta a posto le cose.

      Elimina
  4. Titoli di Stato: il Bonos spagnolo rende meno del Treasury Usa, non accadeva dal 2010
    Aggiornato 9.6.14 13:02
    Sull´obbligazionario continua a farsi sentire l´effetto del taglio dei tassi apportato settimana scorsa dalla Bce con rendimenti ancora in calo per i titoli di Stato dei periferici dell´Eurozona. Il rendimento del Btp decennale italiano è sceso questa mattina fino al 2,69%, nuovo minimo storico. Minimi assoluti anche per il Bonos decennale spagnolo sceso fino al 2,58%. Per la prima volta dal 2010 il rendimento del decennale spagnolo risulta inferiore a quello del Treasury statunitense (2,61%).

    E' proprio vero, non sanno + dove mettere i soldi, talmente tanti ce ne sono a giro....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppa liquidità in cerca di rendimenti, questa forse è la prima causa. Poi (pensando male si fa peccato ma si azzecca) forse c'è una mano invisibile (ma la sua mente è immaginabile) che ti tira giù i tassi...
      Io temo che quando arriverà una correzione sugli equity qualche obbligazionista si leccherà le ferite. Oppure noi contribuenti ci dovremo tenere le mutande strette addosso per evitare di essere sodomizzati da nuovi prelievi atti a 'difendere' l'euro. E già, i NS baldi capi hanno pensato e penseranno di difendere l'euro, ma chi difende i difensori dell'euro? ( anzi, DALL'euro). Ah ah. (Risata sarcastica).

      Elimina