lunedì 12 maggio 2014

TUTTI QUELLI CHE VOGLIONO I VOSTRI RISPARMI

Chi si farà sottrarre i risparmi da questi "signori", non avrà diritto di lamentarsi e  dovrà patire le conseguenze in silenzio. Sono anni che se ne parla e la questione è stata scritta in tutte le salse. Chi non ha agito, quando arriverà il momento,  non potrà lamentarsi di alcunché e non potrà godere di alcuna mia compassione.

Ieri su Libero è apparso questo articolo, a firma di Francesco De Dominicis, che è uno che non scrive cazzate ed è molto preparato.
Scrive De Dominicis:

.....E' certo che le interlocuzioni e gli scambi di dati che si sono intensificati negli ultimissimi giorni tra la Banca d’Italia, l’Istat e il ministero dell’Economia attorno alle ipotesi di interventi fiscali sulle attività finanziarie fanno gola ai fan della patrimoniale. Guai a fare questo nome, ovviamente, nelle file dell’esecutivo. Chiunque giurerebbe di non averci mai pensato. Eppure esistono carte tecniche e simulazioni sui 3.670 miliardi di euro che le famiglie italiane posseggono in attività finanziarie: una ricchezza suddivisa principalmente tra bot e btp, obbligazoni, quote di fondi comuni di investimento, azioni, polizze sulla vita, conti correnti. Per capirci: un intervento una tantum pari all’1 per mille su questa montagna di quattrini, per fare un esempio, frutterebbe 3,67 miliardi. Per arrivare ai 400 miliardi suggeriti da Fabrizio Barca, ex ministro dell’esecutivo di Enrico Letta, l’asticella tributaria andrebbe alzata parecchio.
La patrimoniale la vogliono in tanti e buona parte di queste persone o sono al governo o hanno forti legami con l'esecutivo. Qui potete trovare un articolo con tutti coloro che si dicono favorevoli ad una soluzione del genere e i link delle relative fonti (LEGGI: VE LO STANNO DICENDO IN TUTTI I MODI)

In questo articolo, poi, ho spiegato in che modo si potrebbe essere colpiti da un imposta patrimoniale (LEGGI: ECCO COME POTREMMO ESSERE COLPITI DA UN'IMPOSTA PATRIMONIALE)
Il pericolo è anche quello che aumenti ferocemente anche le imposte di successione, visto che l'Italia, almeno in questo, è considerato una sorta di paradiso fiscale. E di tutto ciò ho scritto QUI

Dopo l'ASSALTO AI RISPARMI messo in campo dagli ultimi governi (LEGGI: I RISPARMI AI TEMPI DEL COLERA - COME ESSERE POLLI DA SPENNARE E NON SAPERLO - TUTTE LE RAGIONI PER ESSERE CONTRARI ALL'AUMENTO DELLA TASSAZIONE SUI RISPARMI - IL BUCO CON GLI 80 EURO INTORNO), le possibilità che si arrivi ad una soluzione di questo genere non è affatto remota. Anzi, le probabilità sono aumentate esponenzialmente. Tanto più se si considera che la riduzione del debito pubblico nella misura prevista dal governo, con ogni probabilità, si rivelerà del tutto irrealizzabile (LEGGI: LA FANTASIOSA RIDUZIONE DEL DEBITO PUBBLICO . Senza poi dimenticare che l'Italia, nei prossimi 5 anni, dovrà pagare circa 420 miliardi di interessi (LEGGI: QUI e QUI)  e dal prossimo anno entrerà in vigore il FISCAL COMPACT (LEGGI: LA MORSA LETALE DEL FISCAL COMPACT), con una crescita economica che, più che altro, appare sempre più asimmetrica rispetto alle necessità urgenti e irrimandabili dei conti pubblici, e un sistema bancario che versa in condizione di grande fragilità (LEGGI QUI E QUI)
Ognuno di voi, nella gestione dei risparmi, non può non tener conto di queste eventualità (ma anche di altre a dire il vero).

Penso di aver detto tutto. Ora fate voi.

2 commenti:

  1. Sono convinto da tempo che prima o poi la patrimoniale arriverà. Mi domando però se c'è una possibilità di evitarla, senza spostare la residenza all'estero.
    Secondo Lei c'è una alternativa all'espatrio ?

    RispondiElimina
  2. Mah … nessuno più parla di redistribuzione del reddito e di imposizione fiscale progressiva ????

    RispondiElimina