domenica 11 maggio 2014

ITALIA SPENDACCIONA?

Premessa: il post che segue non ha l'ambizione di voler essere esaustivo nella trattazione del complesso tema  della spesa pubblica. Tuttavia ritengo utile contribuire al dibattito con questa breve analisi dalla quale emerge l'insostenibile peso della spesa per interessi sul debito, in rapporto ad altre economie in questo senso più "virtuose", ammesso che queste possano costituire un benchmark affidabile di confronto; nelle  speranza che il lettore meno esperto in  materia possa cogliere la giusta dimensione di questa componente di spesa, che sottrae ingenti risorse che potrebbero essere destinate allo sviluppo o alla riduzione delle tasse. Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, l'argomento sarà approfondito con ulteriori considerazioni.


L'Italia che  spreca troppo e che è troppo spendacciona rispetto agli altri paesi europei, è uno dei temi più  ricorrenti nel misero dibattito politico e non solo. E magari chi lo sostiene ha anche ragione.
Infatti, a vedere bene i dati e i grafici, è questo quello che emerge.
E il grafico che segue ne è l'evidenza.

Come si osserva dall'immagine, l'Italia, dal 1995 in avanti,  ha speso sempre di più rispetto alla media UE a 27 paesi. Mentre, dal confronto con la Germania, emerge che  la spesa tra i due paesi in rapporto al Pil  diverge significativamente a decorrere dal 2006, fino ad arrivare ai differenziali massimi  attuali che indicano per la Germania una spesa pubblica al  44.7% del Pil, e per l'Italia al 50,7%. Sei punti percentuali in più, sono circa 90 miliardi di euro. Un enormità, insomma.  Ovviamente, a favorire l'accentuarsi della divergenza della spesa italiana rispetto a quella tedesca in rapporto al Pil, ha contribuito anche la crisi che si è abbattuta sull'Italia in questi ultimi anni, che ha impedito la crescita del PIL e di conseguenza anche una minore incidenza della spesa rispetto alla ricchezza prodotta, essendo la spesa  non del tutto elastica rispetto alle dinamiche del PIL. Ma la "sorpresa" (che sorpresa non è) arriva depurando la spesa per interessi dal confronto tra la spesa pubblica di Italia, Germania e UE27.


Dal grafico possiamo dedurre che la spesa pubblica italiana, al netto di quella per interessi, non solo si pone sistematicamente al disotto di quella della media UE27, ma anche rispetto alla Germania fino al 2006; mentre, nel periodo successivo, accorcia significativamente il differenziale nei confronti di quella tedesca: differenzialeribadiamo, influenzato anche dalla dinamica del Pil tedesco estremamente più favorevole rispetto a quello italiano. Con ciò non si vuole di certo affermare che nella spesa pubblica italiana non esistano sprechi, anomalie (come, ad esempio, la spesa pensionistica, che risulta eccedere rispetto alla media dei Paesi dell'Eurozona) o sacche di privilegio che andrebbero  tagliate ed estirpate. Ma è chiaro che la componente relativa alla spesa per interessi, assumendo grandezze più che anomale,  dovrebbe destare maggiore preoccupazione ed attenzione da parte del governo, in attesa che si arrivi a qualche soluzione "irrituale" (ma non troppo) per ridurre lo stock del debito pubblico, abbattendo il costo del debito verso livelli di maggiore sostenibilità.
I motivi sono noti e sono sempre gli stessi: elevato volume di debito pubblico sia in termini assoluti che in rapporto al PIl e costi di finanziamento del debito superiori a quelli che sostiene la Germania, ancorché fortemente ridotti negli ultimi 12/18 mesi grazie al contributo (effettivo e/o annunciato) delle banche centrali che hanno determinato uno schiacciamento dei rendimenti.

Per rendere ancor più evidente il divario esistente, osserviamo il grafico che segue:
L'immagine ci rappresenta il divario tra la spesa  per interessi in rapporto al Pil tra i paesi considerati.
Si osserva che l'Italia sostiene costi di finanziamento sul debito mediamente superiori al 2.5-3% del Pil in rapporto agli altri Paesi: circa 45 miliardi di euro in più rispetto a quelli che l'Italia spenderebbe seguendo le dinamiche virtuose degli altri paesi considerati.  Si osserva anche che, dal 2010 in avanti, la curva diventa più ripida a causa della contrazione del Pil, dell'aumento del debito pubblico (salito di circa 300 miliardi) che assorbe risorse aggiuntive in termini di spesa per interessi, e a causa dell'aumento dei tassi di interesse nelle emissioni collocate a tassi più elevati rispetto agli attuali.


LETTURE SUGGERITE

VE LO STANNO DICENDO IN TUTTI I MODI

ENTRO I PROSSIMI 5 ANNI L'ITALIA DOVRA' PAGARE 420 MILIARDI DI INTERESSI SUL DEBITO

LA FALLACIA DELLE PREVISIONI GOVERNATIVE SULLA RIDUZIONE DEBITO PUBBLICO


Nessun commento:

Posta un commento