venerdì 23 maggio 2014

DAL DEBITO PUBBLICO ALL'IMPOSTA PATRIMONIALE - INTERVENTO ALL'IT FORUM2014 DI RIMINI

Di seguito, il video del mio intervento  di oggi all'It Forum 2014 di Rimini.
Si parla di esplosione del debito pubblico e della possibilità che vengano introdotte delle imposte patrimoniali feroci sulla ricchezza finanziaria degli italiani.

Una precisazione di dovere anche su un tema che, per ragioni di tempo, non è stato possibile approfondire durante l'intervento: ogni risparmiatore che intenda adoperarsi per cercare di arginare (o escludere) la possibilità di essere colpito da una imposta patrimoniale, oltre a valutare la bontà di qualsiasi soluzione idonea a realizzare questo fine, dovrebbe considerare anche  altri fattori quali, a titolo non esaustivo, l'eventualità di  dissoluzione delle moneta unica e ritorno alle valute nazionali, la ristrutturazione del debito pubblico, la fragilità del sistema bancario e la possibilità di inasprimento delle imposte di successione. Su questo tema (ma anche su altri), ci torneremo con un articolo specifico, nei prossimi giorni.
Un'ulteriore precisazione: chi scrive (che in questo caso coincide con chi parla, cioè io)  non è un economista come erroneamente riportato nel video: visto mai dovessero risentirsi  i veri economisti....!?!?



L'evento è stato organizzato in partnership da Tradingnetwork, Bnp Paribas e Brown Editore, che ringrazio per l'ospitalità.

SEGUI  VINCITORI E VINTI SU FACEBOOK E SU TWITTER
LETTURE SUGGERITE ATTINENTI A QUESTO ARTICOLO

LA FANTASIOSA RIDUZIONE DEL DEBITO PUBBLICO, SECONDO IL GOVERNO

3 commenti:

  1. Un uomo che ragiona è meglio di tanti economisti da palcoscenico.
    Ad meliora.

    RispondiElimina
  2. comunque anche spalmare il capitale su piu' conti è pericoloso ... intestare qualche migliaia di euro a gente che magari è in pensione o addirittura non fa la dichiarazione provochera' sicuramente l'interesse dei gentili signori dell'ade e credetemi anche se avete tutte le ragioni di sto mondo ,per questi siete evasori a prescindere!

    RispondiElimina