martedì 15 aprile 2014

A FEBBRAIO, SOFFERENZE BANCARIE A 162 MILIARDI DI EURO

Lo rende noto l'Associazione Bancaria Italiana  nel  consueto ABI Monthly Outlook 
Scrive l'ABI:

"A seguito del perdurare della crisi e dei suoi effetti, la rischiosità dei prestiti in Italia è ulteriormente cresciuta, le sofferenze lorde sono risultate a febbraio 2014 pari a 162 miliardi, da 160,4 miliardi di gennaio". E' quanto si legge nel Rapporto mensile dell'Abi. 

Il rapporto sofferenze lorde su impieghi è dell'8,5% a febbraio, livello questo che non veniva toccato dal dicembre del 1998 (6,5% un anno prima; 2,8% a fine 2007), valore che raggiunge il 14,4% per i piccoli operatori economici (12,1% a febbraio 2013; 7,1% a fine 2007), il 13,7% per le imprese (9,9% un anno prima: 3,6% a fine 2007) ed il 6,4% per le famiglie consumatrici (5,8% a febbraio 2013; 2,9% a fine 2007). 

Se si considerano le sofferenze nette, si registra una riduzione dai 79,2 miliardi di euro di gennaio ai 78,2 miliardi di febbraio, a seguito di operazioni di cessione di prestiti in sofferenza. Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è quindi in diminuzione: 4,27% a febbraio dal 4,31% di gennaio 2014 (3,23% a febbraio 2013; 0,86%, prima dell'inizio della crisi).


Sullo stesso rapporto si legge che i prestiti al settore privato, negli ultimi 2 anni, si cono contratti di circa 100 miliardi di euro.





2 commenti:

  1. Ehm..!
    Se il denaro è un’illusione collettiva anche le sofferenze bancarie lo sono.
    O.. no..?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, finché non te lo prendono per tapparci i buchi nei bilanci delle banche.

      Elimina