sabato 1 marzo 2014

UCRAINA: L'ARGOMENTO CONTRO LA RIVOLUZIONE

Guet post: Sulla situazione in Ucraina vi propongo un articolo di Peter Strzelecki Rieth, pubblicato nella sua versione originale su THE IMAGINATIVE CONSERVATIVE  e  ripreso da QUELSI, con traduzione a cura di Andrea Benetton

1386806038237.jpg-620x349Il presidente ucraino Viktor Yanukovich era un criminale e un truffatore, come Saddam Hussein!” ha esclamato il giornalista sullo schermo del televisore mentre mangiavo la mia zuppa al pollo e cercavo di mantenere il controllo.
Questo è avvenuto durante un programma di finanza e business su una rete televisiva pubblica polacca, ma non sembrava che le notizie economiche fossero all’ordine del giorno. “Possedeva una grande casa ei suoi due figli erano milionari che possedevano un sacco di auto!” Ho cercato di non guardare lo schermo, ma non potevo farne a meno. Ho osservato un paio d’auto d’epoca, Ford d’anteguerra.
Come Saddam Hussein, Gheddafi e l’ex presidente della Tunisia, Yanukovich ha prosperato mentre la nazione soffriva di estrema povertà!” Mi sono chiesto a quel punto se fosse una coincidenza che il presidente dell’Ucraina sia stato improvvisamente messo in compagnia di uomini uccisi da un’invasione americana o di una sanguinosa rivoluzione di ispirazione americana nel mondo arabo.
Il giornalista andava avanti, citando un sito dell’opposizione anti-Yanukovich come sua fonte. “L’Ucraina è sull’orlo della bancarotta, il suo governo in debito e la sua gente povera, ma Yanukovich viveva nel lusso! Guardate questo lampadario!

Nessuna menzione del fatto che poiché i partiti di opposizione hanno violato l’accordo mediato dalla Polonia e dalla Germania deponendo illegalmente il presidente ucraino, la Russia ha interrotto i pagamenti in precedenza concordati di assistenza finanziaria con lo scopo di contribuire a salvare l’Ucraina dalla bancarotta, denaro che la Polonia e la Germania non hanno e comunque non pagherebbero.
Mentre le immagini della casa di Yanukovich passavano sullo schermo, ho pensato all’intervista di Barbara Walters con Ronald Reagan nel suo spettacolare ranch. Ho pensato alla lucrativa carriera post-presidenziale del Presidente Clinton. Ho pensato a Tony Blair e alle fortune di Gerhard Schroeder. Ho pensato al maggiordomo elegante che ho visto in giro al Ministero della Difesa polacco mentre chiedeva se qualcuno volesse una bottiglia di acqua portata su un vassoio.
Mi sono ricordato che i leader occidentali hanno anche loro soldi e beni e non c’è bisogno di guardare lontano in Occidente per trovare la disuguaglianza nella ricchezza.
Questo programma di “finanza” che mi è capitato di guardare è la definizione esatta di Psy-Ops, guerra psicologica. Era propaganda grossolana.
Il suo scopo non era quello di convincermi che l’ex presidente dell’Ucraina sia un uomo corrotto, il suo scopo era di addormentare la mia coscienza morale, di riempirmi con la più oscura delle emozioni, per assicurarsi che quando Yanukovich sarà catturato e impiccato dalla rivoluzione, che quando la rivoluzione divorerà i suoi figli sparandogli nella testa, io starò con le pecore, come in 1984 di Orwell, urlando “Morte a Goldstein!” e dicendo a me stesso che il male Yanukovich e i suoi figli malvagi hanno infine ottenuto la sorte che meritavano.
Non potevo credere che il contenuto di questo servizio televisivo fosse stato prodotto da polacchi. Era troppo familiare, troppo ovvio, sembrava essere stato scritto per loro, uscito dal loro passato.
Questo è stato il momento in cui la mia mente ha rievocato i fatti, giusto un attimo prima di essere consumato dal diluvio dell’odio dei due minuti precedenti.
Il giorno prima, avevo sentito paragonare Yanukovich a Hitler. Ora, era come Saddam Hussein e Gheddafi. Divertente, il mio cervello mi ha detto, perché a differenza di Hitler, Saddam Hussein, o Gheddafi, Yanukovich ha vinto elezioni certificate come eque dall’Unione Europea.
Prima di quell’elezione, aveva vinto le elezioni precedenti nel 2004, ma aveva accettato di tenerle di nuovo quando i suoi avversari hanno messo in discussione i risultati. Quando ha perso, si fece da parte e ha rispettato la vittoria del suo avversario. Non ricordo Hitler, Saddam Hussein, o Gheddafi comportarsi così.
Mi ricordo invece persone come Thomas Jefferson e John Adams, o Andrew Jackson, o anche Al Gore comportarsi così. Persone che, per tutte le loro differenze, hanno capito l’importanza del rispetto dello Stato di diritto e dei risultati delle elezioni libere ed eque. Ho anche ricordato che Thomas Jefferson e George Washington avevano schiavi e grandi tenute, un fatto che non ci impedisce di riconoscere in loro degli statisti.
Infatti, a differenza di Hitler e Saddam Hussein, secondo le informazioni che ho trovato nel recesso della mia memoria, datata solo due giorni prima di quest’articolo, il cattivo Yanukovich ha accettato tutte le richieste delle opposizioni; elezioni anticipate, l’amnistia, ha ribaltato la costituzione esistente a favore di quella precedente, e dopo tutto questo, l’opposizione l’ha cacciato illegalmente, e ora lui e la sua famiglia sono dei ricercati. Nel frattempo, anche se il cattivo Yanukovich se né andato, i rivoluzionari a Kiev mantengono le loro posizioni. Le barricate sono ancora in piedi. Potrebbe essere che qualcuno trova utile questa situazione per avere una folla di rivoluzionari violenti eternamente piantati a Kiev, che impedisca alla voce della maggioranza silenziosa che ha votato di essere ascoltata e che si aspetta il rispetto dei risultati?
Risposte da propagandisti rivoluzionari vengono alla ribalta nella mia mente: Yanukovich è un ex comunista, il suo partito era legato ai russi, tutti loro sono ex collaboratori e agenti sovietici, e il comunismo è il male.
E’ così dalla mia memoria riemergono altri fatti.
Ad esempio su come il segreto per il successo della democrazia polacca sia stato sostenere il diritto di tutte le persone, tra cui i comunisti, di partecipare alla vita politica, alla campagna per una carica politica, e di votare. Ricordi del 1993 mi balzano alla mente, solo tre anni dopo le prime elezioni libere in Polonia, quando l’ex comunista ha vinto le elezioni e gli è stato restituito il potere. Senza che ne seguì una rivoluzione, i loro avversari li combatterono con la retorica, una campagna dura, e tornarono al potere alle elezioni successive.
E così andò, tutti i problemi, come le controversie nelle democrazie occidentali, furono affrontati attraverso le urne, attraverso elezioni pacifiche, non per le strade del paese.
Infatti, il proprietario di una delle stazioni televisive che oggi fanno propaganda su Yanukovich è lui stesso un ex comunista, poiché tutti nella vita politica e degli affari della Polonia lo furono. E’ difficile, dopo 50 anni di comunismo, trovare persone che non furono comunisti a un certo punto della loro vita.
Ancora più difficile, però, è oggi trovare persone che siano di mentalità indipendente riguardo al sostenere i risultati di libere elezioni, anche quando è il cattivo Yanukovich che le vince.
Il mio cervello però scava ancora più a fondo, a notizie più vecchie, quando la Polonia e l’Ucraina hanno ospitato insieme il Campionato Europeo di calcio Euro 2012.
Questo è accaduto solo due anni fa. Se il presidente Yanukovich era “come Saddam Hussein“, allora perché la Polonia ha lavorato a stretto contatto con lui per organizzare l’Euro 2012? Perché elite politiche e commerciali polacche hanno condiviso gli utili di questa impresa?
La televisione mi ha detto oggi che il cattivo Yanukovich stava facendo soldi, mentre il suo popolo soffriva di estrema povertà. Era quindi un bene per i polacchi fare quei soldi con lui nel 2012?
Forse, nel nostro mondo moderno, due anni sono come 20 anni nel secolo precedente. Questo è il tempo impiegato dagli americani per dimenticare che Saddam Hussein era un alleato americano nel 1980, nella lotta contro la rivoluzione islamica in Iran, per garantire un Iraq moderno e laico. Nessuno lo ricorda oggi, ora è lui l’uomo con le armi di distruzione di massa, che in realtà non ha mai avuto. L’uomo responsabile dell’11 settembre, di cui non era responsabile.
L’uomo con i grandi del palazzo e ricchi figli che è stato impiccato, dopo un processo farsa stalinista, per l’audacia di continuare ad esistere dopo il più catastrofico errore di politica estera nella storia americana costato lo spargimento di sangue e l’espansione del debito pubblico americano.
Il confronto è agghiacciante, non a causa di chi fosse Saddam Hussein veramente, ma a causa di ciò che è venuto dopo di lui, e perché gli anni di spargimento di sangue che hanno spazzato il Medio Oriente potrebbero essere solo sul punto di spazzare l’Europa orientale. Perché in ultima analisi, la vera scelta è questa: ogni paese infettato dal virus rivoluzionario del nostro tempo, le rivoluzioni colorate, le primavere arabe, la “rivoluzione democratica mondiale”, tutte, ogni singolo paese è andato in fiamme. Nessuno di loro ha visto lo sviluppo di qualcosa di simile a istituzioni democratiche stabili, a una società civile, o allo Stato di diritto, perché queste cose non si possono sviluppare in seguito a colpi di stato sanguinosi. Tutti questi paesi hanno visto il caos e sangue. Ora, l’Ucraina segue questa strada. Eppure i polacchi, che vivono proprio accanto a quello che potrebbe diventare presto la vista di una terribile e sanguinosa guerra civile, sono giubilanti. Sono giubilanti a causa della propaganda che sgorga dai loro schermi televisivi, e del loro senso gonfio di orgoglio ipocrita. Pensano che ciò che sta accadendo in Ucraina oggi è simile al movimento Solidarnosc in Polonia nel 1989. Si sbagliano di grosso.
Solidarnosc fu un movimento pacifico che si è sviluppato all’interno della struttura della comunione cattolica polacca nel corso di decenni, e che si oppose a un governo stabilito da Stalin, che non aveva mai affrontato una volta una libera elezione. Il presidente ucraino Yanukovich ha vinto le libere elezioni in un’Ucraina sovrana che aveva un sistema politico pluralistico. Il presidente dell’Ucraina è stato estromesso da un relativamente piccolo gruppo di rivoluzionari molto violenti che sono ben finanziati e ben organizzati. Nonostante queste evidenti, differenze fondamentali, il confronto tra Solidarnosc e l’attuale rivoluzione in Ucraina persiste. Ancora prima che il colpo finale contro Yanukovich fosse completato, i polacchi sollecitarono l’Ucraina ad avviare una “tavola rotonda” di negoziati, un metodo che Solidarnosc ha utilizzato per mediare un accordo con i precedenti governanti comunisti della Polonia.
Ancora una volta, i polacchi sembrano aver spento il cervello quando danno questo suggerimento: i negoziati in Polonia si sono svolti tra Solidarnosc e un governo non eletto comunista che non aveva mai tenuto una vera elezione fin dalla sua istituzione nel 1945. Il presidente Yanukovich è stato democraticamente eletto e come tale non aveva l’obbligo di sedersi a negoziare con i manifestanti. Se non altro, il presidente Yanukovich ha dimostrato estrema disponibilità al compromesso da parte sua invitando i manifestanti a negoziati, giacché tali negoziati non erano in alcun modo rappresentanti della maggior parte delle persone che avevano votato per lui.
In ogni caso, ogni singola democrazia occidentale matura riconosce che anche in tempi di estrema discordia sociale, è illegale e immorale rovesciare governi democraticamente eletti per mezzo di una rivoluzione violenta.
Il presidente Richard Nixon capì questo e la maggioranza silenziosa che l’ha sostenuto lo aveva capito pure. Il presidente Yanukovich non ha avuto la saggezza del presidente Nixon, né erano i suoi consiglieri abbastanza saggi da suggerire un appello alla maggioranza silenziosa che l’ha votato. In realtà, tale azione è probabilmente estranea alla mentalità ucraina, in quel paese di breve e tumultuosa storia democratica.
Tuttavia, un secondo colpo di stato nel giro di un decennio, non porterà la gente più vicina a imparare le abitudini democratiche, anzi sarà solo soffiare sul fuoco dell’illegalità, del disordine, e della convinzione che i proiettili, non le schede elettorali, decidono gli affari politici.
Questo ci porta a un punto che nessuno degli appassionati irragionevoli della rivoluzione “democratica” ucraina in Occidente sembra comprendere: l’ordine è l’elemento fondamentale e necessario della libertà. Nessuno sano di mente afferma che il presidente Yanukovich fosse ideale. Ma la prudenza impone che le rivoluzioni violente non solo non siano ideali, ma sono la definizione di tirannia.
La rivoluzione violenta è il cadere di tutti i limiti ai mali della natura umana in una comunità politica. Ovunque sia accaduta una rivoluzione violenta c’è dolore e sangue. Una rivoluzione violenta volta a negare il risultato di un’elezione democratica è il più grande dei peccati in una repubblica. In caso di conflitto o guerra civile, statisti responsabili hanno sempre tentato di riconciliare il proprio paese. Abraham Lincoln la definì per “malizia verso nessuno” nel suo secondo discorso inaugurale. Yulia Timoshenko invece ha chiesto la testa di Yanukovich e si è appellata ai rivoluzionari di rimanere per le strade di Kiev per “continuare” la rivoluzione. Non è un replay della rivoluzione americana quello che stiamo assistendo a Kiev. Né quello della rivoluzione pacifica di Solidarnosc. Non è anti-comunista. Non è nulla anche vicino alla legittima rivoluzione in conformità con i principi della Dichiarazione di Indipendenza o con qualsiasi livello di senso comune.
Quello che sta accadendo oggi a Kiev è la tragica distruzione dello stato e della nazione ucraina, uno stato che ha ormai attraversato la sua seconda rivoluzione violenta del XXI secolo, uno stato che ha annullato tre volte la sua Costituzione in questo secolo. E’uno stato impoverito, diviso, manipolato da Oriente e in Occidente, e cui è stato tolto ogni spazio per la società civile e pacifica per il proprio sviluppo.
La parte più nauseante di tutto è che migliaia di giovani ucraini sono stati manipolati a rischiare la vita nella lotta per entrare in un’Unione europea che è governata da un organismo composto commissari non eletti e che è stato istituito da trattative spinte attraverso i parlamenti nazionali, nonostante l’impossibilità di ottenere il sostegno popolare nei referendum in Irlanda, Francia e Danimarca.
Il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, non è mai stato votato in una qualsiasi elezione a differenza signor Yanukovich che ne ha vinte due. Eppure, un centinaio di ucraini sono morti in una rivoluzione per l’adozione di “standard europei ” in Ucraina. Quali standard? L’IVA obbligatoria ad almeno il 15%? Regolamenti che stabiliscono la dimensione corretta di sottaceti e la corretta etichettatura delle vacche? Standard bancari forse occidentali, come quelli che hanno portato alla crisi finanziaria in Europa e in America? Un codice fiscale EORI per gli importatori che si deve applicare nel corso di un mese solo per scoprire che è il numero nazionale d’identificazione d’imposta seguito da sei zeri per tutti? Quale di questi ottimi esempi della moderna civiltà europea è così importante da giustificare le morti dei giovani che sono stati manipolati dalla propaganda per morire in un cinico colpo di stato?
Mentre guardo i due minuti di odio alla televisione polacca che preparano i polacchi per il giorno in cui Yanukovich sarà trovato e ucciso o gettato in prigione, penso al secondo discorso inaugurale di Lincoln, o al martire beato padre Jerzy Popieluszko, che, nei giorni bui della legge marziale comunista, diceva ai suoi parrocchiani di prendere zuppa calda e tè per i soldati che li opprimevano e non vedo niente di quello spirito in Ucraina o in Polonia. Mi chiedo: come possono i polacchi essere cambiati così tanto?
Come potrebbe il popolo polacco sostenere la sanguinosa rivoluzione in Ucraina, dopo aver dato al mondo un così nobile esempio di cambiamento pacifico ed equilibrio cristiano tra i dettami della morale e del rispetto della legge e dell’ordine?
Come hanno potuto andare contro le parole del proprio Papa Giovanni Paolo II e marciare alla cieca in Iraq? Come possono ignorare gli sforzi di Papa Francesco per lavorare con la Russia per la pace in Medio Oriente e invece persistere nella russofobia piuttosto che lavorare con la Russia per la pace nel loro comune vicino, l’Ucraina?
Temo che la risposta sia semplice: il potere della cultura popolare occidentale e del materialismo occidentale è superiore alla potenza dei gulag e della propaganda di Stalin. Infatti, quando gli uomini sono schiavi della sofferenza e della paura fisica, le loro menti sono libere, sobrie, fresche, e affamate di verità. Tuttavia, quando gli uomini sono ignoranti, quando la saggezza e l’istruzione non sono premiate da una cultura materiale che favorisce la fama, la popolarità e il denaro, quando il corpo è fatto paffuto ed è soddisfatto, allora la mente diventa schiava, marcia, e impantanata in menzogna. Che tempi terribili quelli in cui viviamo.

 SEGUI  VINCITORI E VINTI SU FACEBOOK E SU TWITTER

2 commenti:

  1. probabilmente i polacchi non vedrebbero l'ora di riprendersi i territori che sono stati annessi alla vecchia URSS alla fine della seconda guerra mondiale e che ora fanno parte dell'Ucraina e della Bielorussia come Leopoli e Brest....polacchi e russi si sono combattuti per secoli è ovvio che ancora si odino...o no??

    RispondiElimina
  2. Viviamo ormai in una dittatura mondiale dei poteri finanziari che usano la propaganda della stampa a loro servizio per rovesciare la realtà agli occhi di tutti coloro che non si pongono domande. Il vero problema è che presto non ci sarà più nessun luogo sulla Terra dove ripararsi, perché il potere di controllo aumenta di pari passo con la tecnologia e con la decimazione delle libertà personali. Altro che America patria della libertà: un domani diventeremo robot con numerino (tipo codice fiscale) senza il quale non potremo comprare neanche un pezzo di pane, perché la moneta contante sarà stata eliminata! Bloccando il numerino si potranno bloccare a piacimento le persone non gradite: nessuna possibilità di abitare, di vivere, di lavorare, braccati dalle telecamere di sorveglianza sparse dovunque, e senza necessariamente essere dei criminali. Altro che genocidio! Se nessuno si opporrà, il film Matrix diverrà reale, e i campi di concentramento artifici da dilettanti...

    RispondiElimina