lunedì 28 gennaio 2013

IL PRESTITO PERPETUO DEL MONTE PASCHI


Di Paolo Cardenà-
Per salvare ( si fa per dire) il Monte Paschi, i fenomeni del Governo Monti, con il voto trasversale dei partiti che lo hanno sostenuto, sono stati capaci di inventarsi il prestito perpetuo: ossia un prestito che, con ogni probabilità, non verrà mai rimborsato.

Lo scopo di tutto questo? Consentire alla Fondazione Monte Paschi di prendersi tutto il tempo possibile per ripagare il dovuto, senza il timore di essere costretto a cedere il posto a un altro investitore, specie se sgradito, attraverso aumenti consistenti di capitale, altrimenti necessari. Il tutto, in buon a sostanza, per permettere alla politica (nel caso specifico al Pd) di mantenere il controllo sulla stessa banca che, loro stessi, hanno condotto al fallimento.

giovedì 24 gennaio 2013

L'ITALIA PUO' FALLIRE: ORA ANCHE PER LEGGE

di Paolo Cardenà-
Esistono chiari segnali che ci  informano che la ristrutturazione del debito pubblico  italiano, non è affatto una ipotesi impossibile.  Anzi, a dirla tutta, le probabilità che ciò avvenga aumentano di giorno in giorno con l'aggravarsi della crisi economica, che tende a rendere sempre meno sostenibile il debito pubblico. Debito, che ha sforato il tetto dei 2000 miliardi, con un trend in notevole ascesa soprattutto nell'ultimo anno, dove il debito pubblico, nonostante la spremitura di tasse operata da parte del governo Monti, è cresciuto di oltre 100 miliardi di euro. 

lunedì 21 gennaio 2013

ANCHE IL FINANCIAL TIMES STRONCA MONTI


di Paolo Cardenà
Come noto, in questo strano Paese,  si è inclini a sovvertire la realtà dei fatti e, ancora peggio, ad attribuirsi meriti che, in realtà, sarebbero demeriti. Ecco quindi che, con un'azione di disinformazione di massa posta in essere dalla stampa sussidiata   nostrana, degna della peggiore propaganda tipica dei regimi dittatoriali, si tende a far diventare oro ciò che oro non è,  neanche lontanamente. 
Mi riferisco alla massa di opinionisti, politici, conduttori televisivi, scrittori, intellettuali e gente comune secondo i quali, quello presieduto da Mario Monti, sarebbe stato un ottimo governo, elevando il suo Presidente addirittura a salvatore della patria.

domenica 20 gennaio 2013

VOLETE APRIRE UN'IMPRESA IN ITALIA? SIETE FOTTUTI IN PARTENZA


                                     di Paolo Cardenà-
Secondo un rapporto diffuso qualche mese fa dalla Banca Mondiale, emergerebbe che nel nostro Paese è davvero difficile avviare una nuova iniziativa imprenditoriale e l'Italia, in questo ambito, si posizionerebbe addirittura dopo lo Zambia. 

Sempre secondo quanto ci dice la Banca Mondiale, le difficoltà che si riscontrano nella creazione di un’impresa sarebbero attribuibili a taluni adempimenti amministrativi che, normativamente, chi avvia un’impresa deve assolvere, ed anche ai costi "amministrativi" per avviare la fase di start up.

venerdì 18 gennaio 2013

MONTE PASCHI ALLA DERIVA(TO)

                                              di Paolo Cardenà-
Sembra che gli scandali che girano intorno al Monte Paschi, la banca dei compagni di Bersani & Co, non conoscano mai fine. Più polvere si toglie , più ne emerge. Una banca, la più antica del mondo, distrutta dai giochi di potere orditi dalla politica e portata alla bancarotta per mano del potere egemonico esercitato dal PD a difesa degli interessi di partito e delle poltrone da conservare per gli amici degli amici.

mercoledì 16 gennaio 2013

LA GERMANIA RIMPATRIA IL SUO ORO


di Paolo Cardenà-
Questa è una notizia che non può in alcun modo passare inosservata e, se dovesse essere confermata, dovrebbe lasciarci anche qualche preoccupazione. Secondo quanto riportato dal quotidiano economico Handelsblatt e rilanciato da La Stampa, la Germania sarebbe in procinto di rimpatriare l'oro conservato nelle varie banche centrali sparse per il mondo, e più precisamente presso la Federal Reserve e Banque de France.

lunedì 7 gennaio 2013

ECCO PERCHE' LE BANCHE VOGLIONO ACCAPARRARSI IL NOSTRO CONTANTE


di Paolo Cardenà - Nella vita comune, l'utilizzo del denaro contante è  una delle cose più normali che esista. La possibilità di utilizzare denaro contante, per compensare transazioni commerciali, costituisce elemento di libertà di  ogni essere umano, oltre che motore di sviluppo alla crescita economica e al benessere collettivo.

giovedì 3 gennaio 2013

NASCE "CONTANTE LIBERO". QUESTA E' UNA LOTTA PER LA LIBERTA', SOSTIENILA!


Questo blog, insieme ad una trentina di blog e siti amici, ha deciso di contribuire al lancio dell'iniziativa CONTANTE LIBERO ritenendo che, nella vita quotidiana,  la possibilità di utilizzare denaro contante, per compensare transazioni commerciali e non solo, costituisce elemento di libertà di ogni essere umano, oltre che motore di sviluppo alla crescita economica e al benessere collettivo. 
Proprio per questo motivo e per quelli che seguono, vi prego di offrire la massima diffusione a questo post, informandovi che nei prossimi giorni questo sito ospiterà ulteriori articoli sul tema in questione. I diritti di libertà dell'uomo non hanno una bandiera politica e l'eliminazione o riduzione del contante e il contestuale passaggio alla moneta elettronica, ha un solo grande vincitore: le BANCHE.