domenica 27 ottobre 2013

L'AUTODISTRUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO

Vado di fretta, e sto dettando lo scritto che state leggendo grazie alle funzioni vocali dello smartphone. Quindi, è tutto un dire..
Comunque sia, mi scuso anticipatamente  per gli eventuali errori sul testo, e per l'impaginazione che ne dovesse derivare. Poi, domani, rimedieremo.

Veniamo alle cose serie.

Che le banche stiano subendo perdite vertiginose per via dei crediti inesigibili, è fatto noto. E,  anche di questo, in questi pixel si è scritto molto.
I crediti che stanno determinando queste perdite, sono quelli concessi con troppa allegria nei periodi di vacche grasse, ma anche quelli concessi ad aziende a quell'epoca virtuose, che nel frattempo si sono trasformate in dei morti viventi, o poco più.
E' chiaro anche che tali perdite erodano  il patrimonio delle banche, poichè debbono essere coperte.
Siccome la massa dei crediti  concessi da una determinata banca dipende anche dalla massa del patrimonio della banca che li concede,  a questo punto, per rientrare negli standard del rapporto crediti /patrimonio "sostenibile" per quella determinata banca,  si hanno due strade:
O si aumenta il patrimonio attraverso aumenti di capitale, oppure si riducono i prestiti. 
La prima strada è quasi preclusa. Perché, ammesso che i soci abbiano le risorse per poterlo fare,  nessuno sarebbe disposto ad investire in banche che traballano sempre più. Tanto più se non si conosce l'esatto ammontare dei crediti che potrebbero diventare inesigibili, che, gioco forza, continuando la crisi,  emergeranno in futuro.
Quindi, non resta che la seconda strada, cioè ridurre gli affidamenti. 
Ed ecco spiegato il motivo per il quale le banche non concedono prestiti. Ma tutto questo potete anche leggerlo in qualsiasi organo di stampa di media onesta intellettuale, sempre che ne esista. Quello che non leggerete mai sulla stampa è che le banche, per poter ridurre il rapporto tra la massa dei crediti e il patrimonio che si comprime sempre più, stanno riducendo gli affidamenti alle aziende fino a questo momento più virtuose, condannando anche queste ultime.
Cioè, cerco di essere più chiaro:
Le banche, non potendo  ridurre gli affidamenti alle aziende che traballano -perchè significherebbe portarsi a casa ulteriori perdite- , li riducono a quelle aziende che sono risultate (almeno fino a questo momento) più virtuose e che quindi hanno la possibilità di poter rientrare, senza troppi problemi, nei tempi richiesti dalle banche che revocano o riducono gli affidamenti.

Questo percorso è estremamente pericoloso e distruttivo, principalmente per due due ragioni:

LA PRIMA: In pratica si sottraggono finanziamenti e liquidità ad imprese che, fino a questo momento, in qualche modo, hanno potuto assorbire il colpo della crisi, compromettendo così anche eventuali processi di investimento (macchianti, scorte, ricerca ecc. ecc.)  e, nei casi più gravi, forse, anche  l'esistenza di queste imprese. E' chiaro che questo, in mancanza di altre fonti di finanziamento, determinerà un effetto a cascata, rischiando di aggravare una situazione già di per se grave, con  impatti immaginabili anche  su tutti gli agenti economici che si rapportano con queste imprese (altre banche, fornitori, clienti, fisco ecc.), e aggravando il ciclo economico, già pessimo di suo.

LA SECONDA: E questa, secondo me, è la più grave. Per coprire le perdite, le banche devono produrre utili. In pratica, le banche, dovendo rientrare negli standard previsti del rapporto crediti/patrimonio, e riducendo le linee di credito ai soggetti più "sani" per poterlo fare, stanno rinunciando anche ad una parte di utili futuri che, in caso di aggravamento della crisi -come peraltro ci si potrebbe attendere in un contesto simile- non potranno essere utilizzati per mitigare l'impatto che avranno le perdite su crediti inesigibili nei bilanci futuri. 

Arrivati a questo punto, se ci siete ancora, è appena il caso di ricordare che le banche italiane, con le due aste triennali della Bce del dicembre 2011 e febbraio 2012, hanno ottenuto oltre 250 miliardi di euro di finanziamenti che dovranno essere rimborsati tra poco più di un anno. E a quanto pare, la restituzione di questi fondi alla Bce appare assai lenta e, neanche a dirlo, non lascia ben sperare.

Ma in questo, stando a quanto si è potuto apprendere dalla stampa nei giorni scorsi, la Bce, con ogni probabilità, farà la sua parte organizzando un'altra asta (LTRO III), tale da consentire sia la restituzioni dei fondi delle due aste precedenti, che l'ulteriore acquisto del debito italiano da parte della banche che ne faranno richiesta: cioè tutte.

Ritornando al ragionamento precedente, le banche, rinunciando a quella parte di utili futuri per via della riduzione delle linee di credito ai soggetti più "virtuosi", comprimono i ricavi derivanti dalla gestione caratteristica. Ma, allo stesso tempo, la necessità di produrre utili, aumenta per via della crescita esponenziale delle perdite su crediti.
 Quindi, che fare? Con i soldi della Bce presi in prestito,  si compra debito pubblico italiano che paga interessi che consentono di esporre  maggiori utili in bilancio, e quindi si mitigano le perdite derivanti dai crediti inesigibili. E gli interessi che lo stato paga alle banche per mantenerle solvibili (almeno apparentemente), da dove vengono? Dagli italiani, appositamente spremuti di tasse. Quindi, nuove tasse che deprimono i consumi, aggravano la recessione, producono nuove sofferenze in seno alle banche, determinando un avvitamento distruttivo  dal quale uscire appare sempre più difficile.
Questo, tanto per ricordarvi che è sempre il contribuente il prestatore di ultima istanza.

 SEGUI  VINCITORI E VINTI SU FACEBOOK E SU TWITTER

13 commenti:

  1. Cosa dobbiamo fare per seguire il percorso dell'Islanda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emigrare in Islanda....

      Elimina
  2. D'accordissimo con te.
    Quello che dobbiamo anche ricordarci però, tanto per completare il discorso, è che le stesse banche sgangherate, hanno accumulato all'estero una fortuna con la riserva frazionaria negli anni passati.
    Ergo, se tanto mi da tanto, andranno/andremo a carte 48, e dall'estero ci compreranno con gli stessi solti esportati nel passato... E' anche per questo che hanno voluto la liberalizzazione dei capitali! SBAGLIO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I soldi trasferiti all'estero con la riserva frazionata sono comunque debito garantito che collassera' assieme alla banca Italiana,non credo abbiano portato treni di contanti alle Cayman ma semplicemente finanziato Societa' alle Cayman , quindi qualcuno finira' in galera per questo vedi Parmalat, e qualche Politico finira' in Piazzale Loreto .

      Quando i capitali delle Cayman rientreranno verranno tassati al 99% dal nuovo Governo Italiano guidato da Grillo e chi li fara' rientre verra' arrestao,stai tranquillo l'epoca dei furbi e' finita..........:-)

      Elimina
  3. "stanno riducendo gli affidamenti alle aziende fino a questo momento più virtuose, condannando anche queste ultime." Il punto fondamentale è sempre lo stesso: La produzione industriale è sorretta da prestiti/debiti, senza debiti nessuna azienda va avanti e questo dimostra che non esistono produzioni virtuose. Faremo i conti con un consumo comunque insostenibile. Cosa succederà? Credo che molti vogliano continuare così, verso la catastrofe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido la conclusione a cui sei giunto, ma purtroppo si va proprio in quel verso. Sul fatto che che le aziende ricorrano troppo a fonti di finanziamento esterne, nulla da dire. Tant'è che penso che uno dei tanti problemi dell'imprenditoria italiana sia proprio l'eccessivo ricorso al debito, anziché a capitali propri. Ma per investire capitali propri, occorrono condizioni più favorevoli, in termini di fisco burocrazia, giustizia ecc ecc. Quindi, si ritorna al punto di partenza... Grazie per il commento

      Elimina
  4. Siamo entrati nella spirale del non ritorno, andiamo dritti dritti verso un secondo medioevo

    RispondiElimina
  5. Siamo entrati nella spirale del non ritorno ,la globalizzazzione è il bilanciamento delle varie economie ,andiamo dritti dritti verso un secondo medioevo.

    RispondiElimina
  6. Tutto chiaro e in qualche modo si sapeva, quello che mi chiedo è perchè assistiamo inermi? Le informazioni e le spiegazioni non servo a risolvere il problema, una volta saputo e capito il meccanismo cosa cambia??????????????

    RispondiElimina
  7. Come sempre lucido e logico.
    Ma aggiungo un tassello che credo importante. Le riserve obbligatorie delle banche sono composte anche ed in buona parte di proprietà immobiliari. Queste ovviamente valgono oggi sul mercato reale e non simulato la metà di quanto valevano appena 3 anni fa. Per quanto gli stessi istituti bancari, col tramite di grandi agenzie immobiliari e controllo dei media, cerchino di non far deflagrare la bolla, essa emerge ogni giorno di più e la sua evidenza non potrà esser occultata ancora a lungo... che accadrà allora, mescolandosi inesorabilmente a quanto da te indicato???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accadrà bail-in ci sarà una corsa agli sportelli provocando un effetto domino. Bloccheranno la movimentazione di capitali,. E in banca, dopo qualche giorno di vacanza, si potranno effettuare solo piccoli prelievi.
      Nel frattempo, monterà la protesta in quelle persone che sono rimaste sotto a qualche fallimento bancario. Nelle grandi città si verificheranno proteste, sconti,

      Elimina
    2. Segue......rivolte e saccheggi, ecc ecc
      Il resto non è un happy end
      ;-)

      Elimina