lunedì 29 aprile 2013

EUROZONA FALLIMENTO ASSOLUTO

Vi propongo il discorso di Nigel Farage al Parlamento Europeo dello  scorso 17 aprile.



"Anni fa la signora Thatcher ha capito che cosa si nascondesse dietro il progetto europeo. Ha capito che l'intento era quello di togliere la democrazia agli Stati nazionali per mettere quel potere in mano a persone che non possono essere chiamate a rispondere di ciò che fanno. Sapendo, come lei sapeva, che l'Euro non avrebbe funzionato.

 Ha capito che questo era un progetto molto pericoloso. Noi nel Regno Unito la pensiamo allo stesso modo. Io ho cercato, nel corso degli anni, di anticipare in questo Parlamento quali sarebbero state le varie mosse man mano che il disastro dell'Euro prendeva forma. Ma nemmeno io, nel più pessimistico dei miei discorsi, avrei mai immaginato signor Rehn, che lei e gli altri della troika sareste scesi al livello di comuni criminali rubando soldi dai conti correnti della gente pur di tenere in piedi questo totale fallimento che è l'Euro. Avete persino provato a prendere i soldi dei piccoli investitori. In diretta violazione della promessa che avevate fatto nel 2008. Adesso il precedente è stato stabilito. E se guardiamo a paesi come la Spagna dove la bancarotta delle imprese aumenta del 45 per cento ogni anno possiamo vedere qual'è il vostro piano per affrontare i prossimi salvataggi quando si presenteranno. Devo dire che questo manda un messaggio molto forte e chiaro agli investitori:"togliete i soldi dall'eurozona prima che vengano a cercarvi." Quello che avete fatto a Cipro è stato di suonare la campana a morte dell'Euro. Nessuno della comunità internazionale si fiderà più a lasciare là i propri soldi. Il colmo dell'ironia è stato vedere il primo ministro russo, Dimitri Medvedev paragonare le vosttre azioni dicendo: "Posso soltanto paragonarle alle decisioni prese dalle autorità sovietiche."E adesso c'è una nuova proposta tedesca che dice che ciò che dovremmo fare è confiscare una parte del valore delle proprietà della gente negli stati del sud Mediterraneo dell'eurozona.Questa unione europea è il nuovo comunismo. È potere illimitato .Sta creando una marea di miseria umana e prima verrà spazzato via meglio sarà. E questo posto? Questo parlamento? Questo parlamento ha la possibilità di chiedere conto alla commissione. Ho chiesto un dibattito su una mozione di censura e mi domando quanti di voi avranno il coraggio di accoglierla e di supportarla.Io lo dubito decisamente. E mi viene in mente che c'è una nuova signora Thatcher in Europa. Il suo nome è Frits BolkesteinLui ha detto di questo parlamento - ricordate che è un ex-commissario - che non è più rappresentativo. Per il cittadino olandese o europeo, il Parlamento europeo sta vivendo in una fantasia federalistica che non è più sostenibile. E come ha ragione!”

SEGUI  VINCITORI E VINTI SU FACEBOOK E SU TWITTER
SEGUI METEOECONOMY SU FACEBOOK: TUTTO QUELLO CHE GLI ALTRI NON DICONO

3 commenti:

  1. Non sara' solo l'euro a rischio, ma anche la struttura politica europea perche' la fiducia e' stata messo a rischio. Senza fiducia diventa tutto piu' difficile.

    L'ironia della sorte, una volta la sinistra aveva come referente l'URSS, adesso stravedono per la Germania, infatti Bersani ando' a Berlino ancora prima di vincere le elezioni.

    Difficile fare previsioni, ma credo che UK e USA saranno quelli che tireranno via il tappeto da sotto i piedi alla Germania, e' gia' successo in passato.

    RispondiElimina
  2. Nigel Farage è un grande, mi spiace che sia uno dei pochissimi che ha il coraggio e l'abilità di dire certe cose in certe sedi. La crisi viene lasciata crescere e gonfiarsi sempre di più perché solo quando la popolazione inizierà a stare davvero male, ad avere fame e paura, accetterà qualunque imposizione o controllo, qualunque privazione, senza più combattere. Sarà poi facile muoversi verso un nuovo ordine mondiale, una banca mondiale, una moneta mondiale, un governo mondiale..

    RispondiElimina
  3. Infatti,secondo me, si stanno creando i presupposti per una uscita dall'euro in chiave neoliberista con una sinistra decrescista (neoliberista) e una destra apertamente neoliberista. Meno Stato per tutti insomma. Meno sovranita' ,meno diritti, in nome della sopravvivenza.

    RispondiElimina