giovedì 21 marzo 2013

ORA LO CAPITE PERCHE' BERSANI VUOLE ABOLIRE IL CONTANTE?

di Paolo Cardenà - L'Unione Europea, approvando  il salvataggio delle banche  cipriote, aveva preteso un prelievo forzoso (rapina) sui conti correnti dei cittadini di Cipro.  Come noto, il prelievo sarebbe dovuto  essere del 6.75% sulle somme inferiori ai 100 mila euro, e di quasi il 10% su quelle superiori a tale giacenza. Secondo le notizie che si apprendono, in quella sede,  il FMI avrebbe chiesto addirittura una tassa del 40%, ma con franchigie più elevate. 

Tali misure sarebbero dovute essere approvare dal Parlamento cipriota, ma la libertà ha prevalso sull'oligarchia dei banchieri e sulla tirannia europeista. Il Parlamento cipriota ha respinto al mittente la proposta della tassa rapina, riaffermando la sovranità del popolo che, troppo spesso, in questa Europa, sembra sfuggire ai suoi gerarchi. Cipro ha  avuto il coraggio di dissentire, e ha deciso che il suo popolo non debba essere vittima di un esproprio di quel genere per pagare il conto alle Banche tedesche esposte su quelle cipriote, guarda caso, per lo stesso importo del  gettito preventivato di  5, 8 miliardi di euro. In un quadro del genere, in attesa di capire come evolverà la situazione cipriota, cerchiamo di comprendere cosa potrebbe accadere in Italia se dovessero esse introdotte misure di contrasto all'utilizzo del denaro contante.

Ciò che sta accadendo a Cipro ci insegna una cosa molto semplice, ossia che il tabù  dell'inviolabilità  e del rispetto dei risparmi e dei sacrifici di una vita, almeno nel contesto dell'Europa meridionale, è stato violato, è stato abbattuto, definitivamente. A nulla possono valere eventuali rassicurazioni, smentite, o peggio, passi indietro. Le autorità europee si sono dimostrate del tutto inaffidabili. L'insegnamento che ci deriva dal caso Cipro, è che chi ha dei risparmi depositati presso qualsiasi banca dei Paesi in difficoltà, potrebbe rischiare di perderli, almeno in parte. Sarebbe perfino ingenuo pensare che l'esproprio potrebbe riguardare solo i conti correnti, poiché ogni genere di attività potrebbe essere colpita, più o meno pesantemente, anche  se con differenti livelli di difficoltà. Difficoltà certamente ovviabili, se si intende ottenere un determinato risultato, che poi sarebbe quello di rendere solvibili banche e Stati. 

La linea di demarcazione tra debito e credito, di colpo, sembra  essere divenuta più sottile, pallida, quasi inesistente. E' chiaro che al debito di un soggetto, corrisponde il credito di un'altro di un altro soggetto. E per rendere solvibile il debitore, non c'è nulla di più agevole che compensare posizioni a debito con quelle a credito. Ed il gioco è fatto: il debitore è stato reso solvibile e il creditore è stato espropriato. Bella l'economia di mercato, vero? Peccato che questo valga solo per le banche e per gli Stati;  non per i cittadini comuni che poi sarebbero quelli a cui l'esproprio è rivolto.

Nel contesto Italiano esiste una vulgata popolare, capeggiata da Bersani, secondo la quale, in nome della lotta all'evasione fiscale, si dovrebbe abbassare la soglia all'utilizzo del denaro contante, oppure eliminarlo del tutto.

Questo, è addirittura riproposto in uno degli otto punti che dovrebbero essere quelli  ispiratori l'azione del prossimo governo a guida Bersani (?).  Tant'è che  tra i provvedimenti  da adottare, si legge: "Misure per la tracciabilità e la fedeltà fiscale". Tradotto significa: abbassamento della soglia di utilizzo del denaro contante (o completa eliminazione). Già in diversi articoli abbiamo trattato l'argomento e qui ci limitiamo solo ad esporre alcune considerazioni. Bersani pretende che il denaro contante sia depositato in banca. Ciò significa che chi ha uno stipendio, ad esempio, dovrà riceverlo obbligatoriamente  in banca. Così come ogni sostanza contante, di cui si dispone, dovrà essere depositata in banca, e da lì spesa attraverso la moneta elettronica.


Di colpo, grazie ad un atto normativo, il cittadino verrebbe privato, oltre che di questa forma di libertà, anche  dell'unica forma di dissenso a sua disposizione nei confronti del sistema bancario. Per contro, le banche verrebbero graziate in quello che per loro costituisce il vero e proprio incubo: la corsa agli sportelli. A quel punto, essendo  il denaro smaterializzato e sostituito con un algoritmo astratto e intangibile, ne deriva che se non esiste moneta contante da scambiare e da prelevare, viene meno anche il pericolo che la popolazione possa chiedere la restituzione di ciò che non esiste. E' evidente, e le banche festeggiano.


Il sistema bancario deterrebbe in deposito la maggior parte della ricchezza del paese. Deterrebbe in custodia i vostri investimenti in titoli, azioni, obbligazioni, i preziosi custoditi in cassette di sicurezza, e ora anche il denaro che, obbligatoriamente, deve essere depositato sul conto corrente. Siccome le pretese impositive dello Stato si fondano su imponibili di cui lo Stato stesso ne dovrebbe conoscere le dimensioni e la collocazione,  se ne deriva che lo Stato non potrebbe tassare ciò che non conosce, come ad esempio il denaro contante che voi custodite a casa, almeno fino a questo momento. Il pericolo è proprio quello di essere obbligati, tramite un provvedimento di legge, a privarsi dell'utilizzo del contante, per rendere la macchina coercitiva del fisco ancora più efficiente, funzionale, perfetta e micidiale.


Tra poche settimane, le banche italiane dovranno trasmettere all'anagrafe tributaria tutte le movimentazioni dei nostri conti correnti. Lo stato, con un semplice click, potrà conoscere in tempo reale ogni vostra ricchezza: sia la sua collocazione, che la  sua dimensione complessiva. Ricchezza incrementata, ovviamente,  dai depositi di denaro contante che, oltre a far aumentare la base imponibile da colpire con un'eventuale imposizione patrimoniale, offre allo Stato la garanzia del buon esito della sua pretesa tributaria.

Quindi, in questo caso, avrebbe a sua completa disposizione ogni forma di ricchezza, e potrebbe tassare, confiscare ed espropriare, ogni importo a  suo piacimento, desiderio e necessità, sia per salvare chi tale ricchezza la detiene in deposito (le banche), sia per salvare se stesso e i privilegi del manipolo di gerarchi da un eventuale bancarotta.

Anzi, questo pericolo è quantomai reale e percepibile  al punto che lo stesso Bersani  non nasconde affatto il desiderio di applicare un'imposta patrimoniale.

Volete un esempio su cosa potrebbe fare lo stato con il vostro patrimonio? Bene, basta prendere ad esempio Cipro. La cosa più semplice da fare è proprio quella di aggredire il deposito sui conti correnti. Sono sostanze disponibili e quindi per definizione idonee ad essere immediatamente trasferite, dal conto corrente alle casse dello stato. E poi se lo Stato è fortunato e a voi vi dice male, sul conto corrente potrebbe anche trovare un saldo particolarmente elevato  derivante dal mutuo che la vostra banca, magari, vi ha accreditato  qualche giorno prima per comprare la vostra casa o finanziare la vostra attività. Quindi un "extragettito" per lo Stato, una maggiore rapina per voi, su dei patrimoni a debito che dovrete rimborsare alla banca. 

La cosa vi sorprende? Nel 1992, con la patrimoniale di Amato, è accaduto proprio questo. Aziende e famiglie di sono viste confiscare ricchezza su delle somme derivanti da un finanziamento concesso  dalla banca e temporaneamente depositato sul conto corrente bancario. Vi sembra giusto?

Volete un'altro esempio? Eccovi serviti. Bersani, ad esempio, come dicevamo, non nasconde affatto l'idea che sarebbe favorevole ad un'imposta patrimoniale  sui grandi patrimoni, intendendo per tali, quelli oltre 1.5 milioni di euro.  A parte il fatto che egli non fornisce chiarimenti su cosa debba intendersi per patrimonio, ossia se si dovranno considerare beni immobili, mobili, investimenti, aziende ecc., come già dicevamo in un precedente articolo, il sospetto è che, quando si accorgeranno che il gettito derivante da un'imposizione patrimoniale a quei livelli sarà molto ridotto, probabilmente, abbasseranno di molto il livello di patrimonio dal quale far scattare l'imposizione al fine di aumentare la base imponibile.

Solo per citare un esempio, qualora dovesse essere tassato il patrimonio immobiliare, non è detto che il contribuente abbia disponibili gli importi per adempiere all'obbligazione tributaria. Ecco quindi che il fisco potrebbe aggredire il conto corrente dove si detengono, per obbligo normativo, anche le risorse indispensabili per il sostentamento dei propri congiunti, lasciando a pancia vuota tutta la famiglia. Ma la carrellata di casi e gli aspetti inquietanti di una simile coercizione della libertà individuale è ancora lunga, fitta ,se non interminabile. Si potrebbe andare avanti per ore, ma non cambierebbe affatto il risultato.

La banca, concludendo, diverrebbe una gigantesca camera di compensazione, ossia soggetto giuridico al servizio (più di quanto lo sia oggi) dello Stato per espropriare ricchezza: ossia il presente e il futuro di liberi ed onesti cittadini.


LETTURE SUGGERITE: 
ARRIVERANNO ALL'ESPROPRIO DI MASSA
ECCO PERCHE' LE BANCHE VOGLIO IL NOSTRO CONTANTE
L'IMPOSTA PATRIMONIALE: SE LA CONOSCI LA EVITI
BERSANI E LA SUA LOTTA AL CONTANTE: UNA PURA FOLLIA

SEGUI  VINCITORI E VINTI SU FACEBOOK E SU TWITTER

27 commenti:

  1. Sono proprio uno di quelli che nella mattina del giorno in cui fu eseguito il prelievo del 92 ricevette l'accredito di un finanziamento di ben 100.000.000 di lire e si vide prelevare il 6 per mille di soldi che neanche erano suoi, rimasti sul conto solo quel giorno. E meno male che non mi mancavano le 600.000 lire che mi hanno "Rubato" altrimenti veniva fuori un gran macello.

    RispondiElimina
  2. Il denaro non esiste in ogni caso, essendo un'astrazione simbolica.
    Riguardo alla tracciabilità, serve a contrastare mafia e corruzione, non a prelevare quattro spiccioli dalle tasche dei poveri e dei lavoratori. Mezzo mondo funziona quasi senza contante ed ha molta meno disonestà organizzata.
    Quelle sulla patrimoniale che pagano i poveri è una vera assurdità, la patrimoniale la deve pagare (e la pagherà) chi si è ingrassato sulla nostra pelle, non chi stenta. A meno che tra i cybernauti presenti non ci sia qualche milionario travestito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vaffanculo, te e tutti quelli che spacciano la bufala dell'evasione per mettere la gente in trappola. Speriamo vi estinguiate presto, insieme a Bersani.

      Elimina
    2. Quello che cerca d vivere facendo qualche lavoro extra lo chiami disonesto o furbi come dici tu ? allora scusami non hai capito un cavolo:

      Elimina
    3. Il mezzo mondo che utilizza poco contante; non è obbkigato a farlo, non vive in uno stato di polizia, non ha una classe politica delinquente, nOn è tassato al 70%, riceve servizi dallo stato, non mantiene un popolo statale solo per clientelismo, etc, etc
      In italia, a fronte di un pil di 1500 miliardi (dove e' compreso anche il pil prodotto dagli statali!!!), lo stato preleva ben 830 miliardi, senza fornire servizi. Poi ci si chiede perche' chiudono le aziende....

      Elimina
    4. e basta con questa evasione fiscale...ABBASSARE LE TASSE allora si che verrebbe "piacevole" anche pagare le TASSE DIRETTE ,già dirette ,perchè fatevi un calcolo delle TASSE INDIRETTE che paghiamo,benzina,sigarette pasta ecc..Spero che vengano indagati sia quel buffone di bersani come tutto il pd ,realmente fonte di rovina dell'Italia.Si il pd è dappertutto,BANCHE,ASSICURAZIONI,COOP,magistratura e chissà quant'altro!
      Eppoi ci fanno pensare a 4 sgallettate ad arcore ,mentre quelli del pd & company ci tolgono in ogni modo il pane di bocca.Dovremmo andare a viados come marrazzo( 3 omicidi dietro la storia)oppure farci "appoggiare"come vendola... bhè per quel che mi riguarda preferisco quello che piace al Berlusca..non sò a Voi

      Elimina
    5. i primi che devono pagare sono i politici e i banchieri!!!!

      Elimina
    6. opzione 1)I fatti stanno cosi',o facciamo la guerra allo stato in 60.000.000 di persone,cioe' mi spiego meglio per chi non lo sa ma la somma che dico sarebbe tutta l'italia,non spendendo piu nei rifornimenti,fermiamo le auto TUTTI,non spendendo nei grossi centri commerciali che sono quelli che evadono di piu,non consumiamo luce,stiamo con le candele,non usiamo il telefono di casa,ne il cellulare,stiamo un anno senza viaggiare ne in macchina ne in treno ne in aereo,etc etc,fermiamoci tutti e vedrai che stavolta cambiamo davvero l'italia,perche saranno loro a calarsi stavolta.ma non abbiamo le palle per farlo.pensiamo e ci occupiamo solo e semplicemente del lavoro,andando a fondo,senza pensare al nostro fututo ne a quello dei nostri figli.
      opzione 2)dal punto di vista personale se togliessero il contante io chiuderei la ditta e venderei tutto quello che ho,cercando di arrivare in tempo prima che i contanti scomparissero,lo tramuterei in oro e conserverei tutto per un'era migliore o andrei nei paesi poveri e ci farei tutta la mia vita con quattro spiccioli,ma la cosa che farei di piu essendo legato alla mia terra,me ne andrei a vivere in una montagna sperduta,una piccola stanza,come una volta,acqua,ortaggi,qualche piccolo animale per allevamento per potermi nutrire e affanculo lo stato e vevrei pure piu a lungo.buona vita a tutti e pensateci a queste cose.

      Elimina
    7. ORA CI VOGLIONO PORTARE ALLA FINE TANTO LORO I SOLDI Cè L'ANNO
      PENSATE A QUEI POVERI CRISTI CHE ANNO APPENA LA PENSIONE E QUALCHE SPICCIOLO PERCHè SI SONO FATTI UN CULO PER RISPARMIARLI E ORA TE LE VOGLIONO PORTARE VIA E NOI SIAMO UN POPOLO IMBECILLE PERCHè CONTINUIAMO A VOTARLI A RAGIONE QUELLO CHE A SCRITTO RITIRIAMOMCI SUL COCUZZOLO DELLA MONTAGNA SI PUò VIVERE BENISSIMO DIO Cè LA MANDI BUONA E SPERO SOLO CHE BERSANI E I SUOI ALLEATI VENGONO SPAZZATI VIA DALLA FACCIA DELLA TERRA SI DOVREBBERO SOLO VERGOGNARE E LE BANCHE IMPARTE COLPEVOLI E IMPARTE Nò SPERO SOLO CHE OGNIUNO DI NOI SI POSSA SALVARE QUEL POCO CHE Hà

      Elimina
  3. Sicuramente Bersani non vuole abolire il contante per prelevare 4 soldi dai poveri lavoratori tramite la patrimoniale ... vuole abolire in parte l'uso del contante per tracciare semplicemente il denaro ed ostacolare la criminalità organizzata e i DISONESTI ... Io nel mio piccolo ho praticamente abolito l'uso del contante o quanto meno limitato ... pago sempre con il bancomat così I FURBI non possono fare NERO ... ed evadere le tasse spesso e volentieri quando si paga in contante succede che o non emettono scontrino o viene emesso di importo inferiore ... a me capitava spesso! Per la patrimoniale sono daccordo chi ha di più che paghi di più ... sicuramente la patrimoniale non va a toccare i piccoli risparmiatori ma chi ha patrimoni oltre 1,5 milioni di euro .... quindi non creiamo terrorismo psicologico sulla patrimoniale che non serve ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io pago con i contanti e richiedo lo scontrino........tanto semplice! e da quando non ho più il bancomat spendo la metà e a fine mese nonostante una famiglia che campa con un solo stipendio riesco anche a mettere da parte qualche €

      Elimina
    2. ..ancora a pensare che l'evasore è il piccolo commerciante?..ma proprio non avete capito un cazzo..rivoglio il DUCE,allora forse cambia qualcosa..

      Elimina
    3. peccato che non abbia fatto Papa bersani ,lui si (bersani)che un angelo...ma andate a nascondervi che è meglio!

      Elimina
    4. ti sei mai chiesta chi paga il tuo uso della carta di credito? tu in parte con la quota annuale, ma sopratutto gli esercenti che ricevono i pagamenti con carta di credito. Allora il problema non sta nel vietare il contante (cosa in contrasto con la libertà delle persone, capitali e merci)ma rendere l'uso delle carte totalmente gratuito (anche per gli esercenti. Perchè non si propone? semplice le banche non guadagnerebbero un centesimo !!!

      Elimina
    5. Esatto!!! in America pagano con carta anche un pacchetto di gomme da masticare... ma gli esercenti non hanno spese sui circuiti.
      Ragazzi... Bersani non vuole eliminare il contante per la lotta all'evasione, per la lotta alla criminalità... non è Robin Hood... vuole eliminare il contante per far arricchire le bance... ergo: per farsi i fattacci suoi! Leviamoci il prosicutto dagli occhi e guardiamo le cose come stanno!!!

      Elimina
  4. QUESTO E' IL GIOCO DELLE BANCHE CENTRALI (gestite da privati) CHE DA UN BEL PO' CREANO DEBITO PUBBLICO AGLI STATI E POI LI RICATTANO!
    IN POCHE PAROLE SONO DEI FALSARI LEGALIZZATI: STAMPANO MONETA, LA PRESTANO AGLI STATI E POI PRETENDONO OLTRE AL PRESTITO (riciclato e valorizzato) ANCHE GLI INTERESSI. E SE UNO STATO SI TROVA IN CRISI GLI IMPONGONO ANCHE LE SCELTE DI RECUPERO FISCALE DEI CITTADINI, E CIO' CON LA COMPIACENZA E CONNIVENZA DEI POLITICI DI TURNO!
    youtube.com/watch?v=QOkFER1Ogbc&feature=share

    RispondiElimina
  5. Per chi pensa che l'evasione debba essere combattuta eliminando il contante, mi permetto di suggerire la lettura di questo articolo. http://www.vincitorievinti.com/2013/02/bersani-e-la-sua-lotta-al-contante-una.html

    RispondiElimina
  6. Tanta malafede e tanta demagogia
    Da tempo sono contrario all'uso del denaro contante, utile per le mazzette e per l,evasione fiscale...o,meglio....LIBERI di usare il contante che vuoi...ma...ABOLIZIONE delle BANCONOTE di TAGLIO SUPERIORE ai 20€.....dopo i furbi dovranno andare in giro con i camion

    Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La malafede e la demagogia è di chi ha condotto questa nazione al disastro, non certamente mia, che mi limito a evidenziare fatti e circostanze inopinabili. E' Bersani che dice che vuole la patrimoniale e ridurre il contante, noi io. Quelli sopra descritti sono solo alcuni degli effetti che si potrebbero determinare. Chio dice il contrario, è in malafede o ha interesse di parte

      Elimina
  7. Scusate solo una domanda allora io cosa dovrei fare visto l'articolo? Andare in banca gia' da adesso e ritirami tutti i miei soldi no perché non so piu' a chi credere cosa pensare!!!!! Con questo articolo mi spaventate NO DITEMI VOI DIMMI GRILLO COSA FAI TU PER TUTELARE I TUOI SOLDI? MI PUOI DARE UN CONSIGLIO????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io come tante persone non ne ho di soldi .... non ho proprio nulla da tutelare... ma caso mai dovessi avere qualcosa..... tutto in Svizzera....

      Elimina
  8. Io non ci capisco piu' niente sono disorienta uno dice una cosa uno dice un'altra leggendo questo articolo ti viene istintivamente andare a chiudere il conto in BANCA di modo che non potranno prendermi i miei risparmi! Cosa bisogna fare a chi credere? BERSANI O GRILLO cosa farebbe Grillo o cosa fareste Voi? Sono preoccupata potreste pubblicare questo articolo? Miky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signora stia tranquilla, se si rivolge ad un bravo ed onesto consulente vedrà che saprà aiutarla.

      Elimina
  9. ma andate a cacare se succedera' questo ci sara' rivoluzione e sicuramente qualcunoi si fara' male.....
    ps mandiamoli tutti a casa questi politici di m... avete rotto il c....... adesso basta avete rubato gia tanto per tanti anni

    RispondiElimina
  10. Behhh ma Monti cosa ha fatto? Non ha prelevato dai conti, forse perche sapeva che li trovava vuoti, ma ha prelevato dagli immobili con l IMU!! Cipro si ribella...l Italia a pecorella....come sempre.

    RispondiElimina
  11. Cipro ha ricevuto dall'Europa milioni e milioni di euro per emanciparsi rispetto alla parte di Cipro sottomessa alla Turchia (se qualcuno non conosce questa storia si informi, la capitale Nicosia è divisa da un muro come quello di Berlino!!!). Adesso i rubinetti si sono chiusi e la stessa Europa che ha aiutato quest'isola quando ne aveva bisogno (chi l'ha visitata sa di cosa sto parlando) chiede il conto...

    RispondiElimina
  12. è un diritto della costituzione essere libero, in tutte le sue forme, e l'abolizione del contante con l'obbligo dei pagamenti elettronici, è una violazione grave della nostra libertà, siamo l'unico paese mondiale ad avere il limite dei 1000€,e con ciò siamo messi male , anzì malissimo, quindi questa manovra non serve a nulla. Poi i nostri politici se la spassano, guadagno tantissimi soldi, e quando sbagliano, nessuno gli fa niente!!! e vedrete che se avremo solo soldi elettronici, i nostri politi per far cassa, verranno a prendere i nostri soldi, grazie alle loro banche, le quali sono al servizio della politica e non del cittadino e dopo si che sarà la fine del nostro paese, a favore della germania che è una nazione immonda, che dovrebbe starsene per conto suo!!!

    RispondiElimina