giovedì 3 gennaio 2013

NASCE "CONTANTE LIBERO". QUESTA E' UNA LOTTA PER LA LIBERTA', SOSTIENILA!


Questo blog, insieme ad una trentina di blog e siti amici, ha deciso di contribuire al lancio dell'iniziativa CONTANTE LIBERO ritenendo che, nella vita quotidiana,  la possibilità di utilizzare denaro contante, per compensare transazioni commerciali e non solo, costituisce elemento di libertà di ogni essere umano, oltre che motore di sviluppo alla crescita economica e al benessere collettivo. 
Proprio per questo motivo e per quelli che seguono, vi prego di offrire la massima diffusione a questo post, informandovi che nei prossimi giorni questo sito ospiterà ulteriori articoli sul tema in questione. I diritti di libertà dell'uomo non hanno una bandiera politica e l'eliminazione o riduzione del contante e il contestuale passaggio alla moneta elettronica, ha un solo grande vincitore: le BANCHE. 

Ciò costituisce un atto criminale di compressione dei diritti dell'uomo e questa è una lotta contro l'arroganza bancaria e l'oligarchia finanziaria regnante in Italia, per la libertà di ogni individuo, dei nostri figli e delle generazioni future. Sostenerla, è dovere di ognuno di noi. VI PREGO DI CONDIVIDERE E DIFFONDERE QUANTO PIU' POSSIBILE. GRAZIE E BUONA LETTURA

Eliminare o limitare il Contante è un regalo alle banche, è un mezzo per il controllo della nostra vita, è un esproprio della nostra ricchezza.  Per impedire tutto ciò dobbiamo far sentire il nostro grido di disapprovazione, per questo motivo è nata l’iniziativa Contante Libero (http://www.contantelibero.it/) una associazione informale di cittadini che difende la circolazione e l’uso del contante.
La prima iniziativa per la difesa del denaro contante è una raccolta di firme e di indirizzi mail verificati di italiani che vogliono il Contante Libero, l’obbiettivo è far si che questo tema entri nel dibattito politico e in campagna elettorale e abbiamo intenzione di segnalare qualche giorno prima delle elezioni quali forze politiche sono per il Contante Libero e quali per la sua eliminazione o forte limitazione.
Facciamo sentire la nostra voce con tutti i mezzi che la rete ci mette a disposizione e con eventi sul territorio. Non possiamo permettere che libertà, privacy e ricchezza ci vengano strappate via senza lottare.
Oggi 3 Gennaio 2013 oltre 30 fra blog e siti di informazione indipendente urlano contemporaneamente questa voce (Blog e Amici di Contante Libero). Altri si aggiungeranno in seguito, ma qui e oggi abbiamo bisogno di voi per Fare il Contante Libero:
b) Condividi Contante Libero su Facebook  e su Twitter o su altri social network.
c) Manda una Mail,ne abbiamo preparata una a titolo di esempio, usate  la vostramailing list  diffondetela fra i vostri amici:

Ciao, ti scrivo per per informarti sull’iniziativa Contante Libero ( http://www.contantelibero.it/ ) , una raccolta di firme in favore dell’uso e della circolazione del denaro contante, dunque per impedire alle banche e al governo di controllare la nostra vita e espropriare la nostra ricchezza.
Se vuoi saperne di più, vai su http://www.contantelibero.it/
d) Se gestisci un sito o un blog : Vai alla pagina dei banner e mettine uno nella tua home-page, poi scrivici per farcelo sapere, potrai accedere con link attivo nella pagina Blog e Amici di Contante Libero.

Perchè Contante Libero
Il precedente scellerato governo Monti ha già messo limiti severi all’utilizzo del contante (da 3000€ a 1000€) e come se non bastasse ha obbligato le persone anziane ad aprire e/o alimentare un conto corrente bancario per ricevere la pensione. E’ impossibile non vedere un preciso disegno per mettere sotto il controllo delle banche e del governo, la vita e la ricchezza di ogni cittadino italiano. Il capo della coalizione che secondo i sondaggi si accinge a vincere le prossime elezioni, vuole mettere limiti ancora più severi all’uso e alla circolazione del contante (da 1000€ a 300€ fino a 50€), in questo modo quasi ogni singola transazione verrà tracciata con il nome e il cognome di chi l’ha fatta e il luogo e l’ora dove è avvenuta, e per ogni passaggio di denaro le banche esproprieranno una parte della nostra ricchezza.
Il grande fratello è qui e si chiama Bancomat, Carta di Credito, Assegno, PayPal: denaro elettronico. 
Avete pensato che ogni vostra azione, spostamento, piccolo segreto, sarà tracciato in un conto corrente o in un database a disposizione di:
  • ·         Banche
  • ·         Compagnie telefoniche
  • ·         Assicurazioni
  • ·         Società che gestiscono denaro elettronico
  • ·       E ovviamente lo Stato e i suoi funzionari, i quali avranno libero accesso a queste informazioni

Volete vivere davvero in un mondo così? Vi sentirete più al sicuro perché tanto voi “non avete nulla da nascondere”? Davvero?
Immaginate di avere un amico/a , un hobby, un interesse che per qualsiasi ragione desiderate rimanga una faccenda riservata, pensate sia possibile in un mondo che preveda la sola moneta elettronica, dunque tracciata, come mezzo di pagamento?
Scordatevelo.
E se un giorno diventerete scomodi, per eliminarvi, diffamarvi,gettarvi fango addosso sarà sufficiente utilizzare un buon software di analisi dei dati e un’oretta di consulenza da parte di un operatore specializzato. Può darsi che abbiate comprato fiori e cioccolatini il  giorno che “invece” avreste dovuto “essere in viaggio con il capo”. Può darsi che abbiate fatto una capatina di troppo al bar in orario di lavoro. Immaginate voi ogni altra implicazione.

Ma non basta c’è di più, avete mai fatto un calcolo su quanta ricchezza rimanga in mano alle banche attraverso le transazioni con denaro elettronico?
Prendiamo alcuni dati di partenza:
1) 100€ 
… trasformati in impulsi digitali.
2) Le commissioni “normali” che ciascun negoziante paga al sistema bancario per l’utilizzo di un POS, la macchinetta che legge i bancomat e le carte di credito. Prendiamo ad esempio il Banco Posta (il negoziante poi ve le ribalterà sul prezzo del bene acquistato, non esistono pasti gratis.):


facciamo una media di 0,8% per transazione.
Cosa succede ai nostri 100€ dopo 100 transazioni? 
N. Passaggi ad un POS 
Cosa Rimane di 100€
Commissione
Bancaria %
Commissione
Bancaria in Valore Assoluto 
Note
 start
100€
0,8%
0,8€
Si parte con i nostri 100€
1
99,2€
0,8%
0,794€
al primo passaggio diventano 99,2€.  80c sono andati  alla banca
2
98,406€
0,8%
0,787€
al secondo  passaggio diventano 98,406€.  78,7c vanno alla banca
….
…..
….
…..
etc etc
100
44,79€
0,8%
0,358€
Al 100esimo passaggio i 100€ sono diventati 44,79, le banche si sono prese 55,21€ sui 100€ iniziali
Dopo solo 100 passaggi ad un POS le banche hanno requisito all’economia il 55,21% della ricchezza iniziale immessa nel sistema.
Le Menzogne da Smascherare
Prima Menzogna: La lotta al contante in quanto strumento fondamentale per combattere l’evasione fiscale.
Questa è l’argomentazione principale che viene usata da chi si prodiga per avere una società senza contante. Ad una prima analisi questa giustificazione sembrerebbe inattaccabile; tuttavia, mediante una disamina più attenta e approfondita si scopre che il grosso dell’evasione fiscale non ruota affatto attorno l’utilizzo del denaro contante, ma riguarda invece transazioni decisamente più sofisticate.
fenomeni evasivi/elusivi numericamente più rilevanti, quali l’occultamento di ricavi e compensi o l’indebita deduzione dei costi, vengono, infatti, messi in atto con l’impiego di strutture e comportamenti fittizi che prescindono dall’uso del contante e dall’obbligo di avvalersi del canale bancario per rendere le operazioni tracciabili.
Diffondere l’idea che la maniera più efficace per contrastare l’evasione fiscale risieda nella lotta al contante significa, dunque, pubblicizzare volutamente un erroneo convincimento. L’evasione si combatte mettendo a punto un quadro normativo stabile e facilmente comprensibile, tagliando il numero degli adempimenti, instaurando un rapporto di fiducia tra il Fisco e il contribuente e riducendo in maniera sistematica e ragionevole la pressione fiscale tramite un preventivo calo della spesa e dell’inefficienza pubblica.
A fronte delle sopraccitate misure, l’eliminazione del contante non serve praticamente a nulla se non a privare milioni di cittadini (il popolo minuto) dell’unico formidabile strumento di “dissenso di massa” che essi possono avere a loro disposizione per non essere sopraffatti da inique regole e politiche fiscali.
Seconda Menzogna: La lotta al contante non incide direttamente sulla libertà e le abitudini delle persone.
Affermazione semplicemente senza senso. Restringendo le possibilità per gli agenti economici di scegliere come metodo di pagamento ciò che essi considerano più adeguato, si va ad incidere per forza di cose direttamente sulla libertà e le abitudini delle persone.
Terza Menzogna: Contante strumento scomodo ed obsoleto.
L’esperienza sostiene l’esatto contrario. Nella quotidianità solamente l’impiego del contante permette ad alcune transazioni di essere portate a termine in maniera celere e quindi proficua. Di conseguenza, eliminando o riducendo ancor più drasticamente questa modalità di pagamento, si introdurranno necessariamente in più parti del sistema economico rimarchevoli inefficienze che, in ultima analisi, avranno il demerito di rendere maggiormente complicata la vita delle persone.
Quarta Menzogna: La lotta al contante è decisiva anche nella lotta ai furti e alle rapine.
«Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezza».
Basterebbe citare questo famoso aforisma di Benjamin Franklin, uno dei Padri Fondatori degli Stati Uniti d’America, per dimostrare l’illegittima sussistenza di questo assunto. Ma, poiché è necessario essere veritieri fino in fondo, si deve anche constatare come l’eliminazione del contante non rappresenti sicuramente la panacea contro furti e rapine. Clonazione di bancomat e di carte di credito, manipolazione di conti bancari, furto d’identità o anche le incresciose aggressioni alle abitazioni dei cittadini sono tutti esempi di fenomeni criminali sui quali la lotta al contante non può avere di certo un’incidenza decisiva.
Per questo ti chiediamo di firmare, sostenere e diffondere Contante Libero (http://www.contantelibero.it/)

Aggiornamento del 04/01/2013
A pagina 4, il quotidiano "LIBERO" dedica un articolo all'iniziativa. Occorre tuttavia precisare che, contrariamente a quanto riportato nell'articolo, l'iniziativa non ha alcuna bandiera politica.

11 commenti:

  1. Mi piace proprio questa iniziativa.
    Se andrà in porto credo che Milena Gabanelli morirà di rosico a turbina. E spero sia seguita al più presto dalla banda di lavapiatti golpisti che hanno dominato l'Italia per 13 mesi al soldo di banche e agenzie di rating farlocche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' la politica dei comunisti quella di sottoporci ad un totale controllo...grazie a Monti ed a hi l'ha messo oltre a chi lo ha votato per un anno....siamo finiti male!!!!!!!

      Elimina
  2. nn si apre il link dove firmare

    RispondiElimina
  3. Non si riesce ad accedere al link per firmare......Come mai?

    RispondiElimina
  4. IL SITO DI CONTANTE LIBERO E' STATO MOMENTANEAMENTE INACCESSIBILE A CAUSA DELL'ELEVATO NUMERO DI VISITATORI.
    ORA E' ON LINE

    RispondiElimina
  5. lodevole il vostro impegno ma,servono azioni piu' energiche ormai! ci stanno mettendo tutti nel tritacarne e non ce ne accorgiamo!!!

    RispondiElimina
  6. Peter Thiel, il creatore di Paypal, è infatti uno dei capi del gruppo di Bilderberg ... sarà anche questo un caso?

    RispondiElimina
  7. Sono decisamente,per motivi personali e professionali un addetto ai lavori.........Mi metto a vostra totale disposizione,pur vivendo all.estero da diversi anni.Con un ventennio di formazione tecnica alle spalle ed un passato da bancario,dottore commercialista,promotore finanziario, mediatore creditizio, consulente finanziario et simlia.....penso di potervi dare una mano, se volete.....
    Max[ the only one ]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! ti ringrazio per la tua disponibilità e ti faccio preghiera di contattarmi alla mia email paolocardena@gmail.com Grazie e buona giornata

      Elimina
  8. E' un marchingegno demoniaco per annientare qualsiasi tipo di privacy e di libertà d'azione dato che, non potendo alcuno vivere senza spendere, le banche , il fisco, la polizia, lo spionaggio ecc. avranno il diario completo della esistenza di ciascuno: fatti, azioni, abitudini, spostamenti, relazioni sociali, abitudini, trend di vita, isomma: vita, morte e miracoli ecc., compreso l'accesso sporadico a qualche pisciatoio a pagamento!
    La vita delle persone per il fisco, ed il fisco per le prevaricazioni della spesa pubblica.
    Poichè il cittadino é obbligato ad usare la moneta avente corso ufficiale nello stato per il pagamento delle tasse, potrebbe avere corso parallelo qualcos'altro: rimettere in uso il baratto o usare come monete le noccioline americane per esempio! Si dice per ridere, ma un'alternativa ad una schiavizzazione tanto integrale, dovrebbe indurre qualche persona intraprendente a farsi venire qualche intelligente idea.
    In certe isole del Pacifico usano come monete e conchigliette.

    RispondiElimina
  9. Tutto inutile, le cose
    cambieranno solo con una rivoluzione "fisica" diversamente faranno ciò che vogliono come da sempre fanno...

    RispondiElimina