domenica 8 luglio 2012

LA FARSA DI MONTI E LE CAZZATE DELLA STAMPA SUSSIDIATA


di Paolo Cardenà-
Vi ricordate una settimana fa, il poderoso rimbalzo delle borse e la caduta dello spread alla fine del vertice europeo di Bruxelles?
Ve lo ricordo io. Quel venerdì 29 giugno, borse euforiche ai proclami di successo espressi da Mario Monti in conferenza stampa al termine del vertice, con l'indice della Borsa di Milano in rialzo di quasi il 6% e lo spread sul bund tedesco in ribasso di  oltre 60 punti. Cose d'altri tempi, insomma! Cose da far leccare le dita. 

Monti salutato dalla stampa italiana come il salvatore dell'euro e dell'Italia, poiché grande  mediatore europeo e  ideatore dello scudo antispread. E questa bella storiella del successo italiano (nel mondo dei sogni), è andata avanti per buona parte della settimana.
Tutte cazzate, scritte da analfabeti economici  pagati dai giornali sussidiati mantenuti con il denaro dei contribuenti.
Il giorno precedente al vertice, il 28 giugno, a poche ore dall'inizio del summit, il sottoscritto  nella sua pagina Facebook scriveva :


"Nella migliore delle ipotesi, dal vertice europeo uscirà una mezza soluzione, ovvero una non soluzione, che per qualche minuto cercheranno di spacciare come una grande soluzione. Ovviamente  fino a quando i mercati, lunedì mattina, rimetteranno tutti con i piedi a terra"
Ebbene, forse ho sbagliato di un paio di giorni.
Oggi, ad una settimana esatta dai grandi successi di Monti, lo spread è a 470 punti; esattamente come il giorno precedente l'inizio del vertice e la borsa è di poco soprai livelli di quel giorno. Insomma, anche se con un pò di ritardo, non ci ha creduto nessuno e la farsa è finita.
Che significa? Significa che il vertice europeo non ha prodotto nulla di strutturale e credibile idoneo a placare i mercati e a scongiurare la fine dell'euro. Ovviamente, contrariamente a quel che dice la stampa sussidiata, il vertice europeo  per l'Italia è stato un fallimento clamoroso; praticamente l'unico Paese che non ha ottenuto nulla di concreto e nessun vantaggio. Qualche giorno fa ho scritto un articolo dal titolo "IPOCRISIA IN NEUROZONA" spiegando le motivazioni alla base del fallimento dell'euro-summit. Di seguito ve ne ripropongo uno stralcio significativo.
"Ma chi sono i vincitori e i vinti di questa partita?

Ha vinto sicuramente la Spagna, che ha portato a casa la possibilità di salvare (si fa per dire) le proprie banche senza  dover subire la presenza della Troika e soprattutto un incremento del debito pubblico. Ha Vinto la Merkel che, in perfetta sintonia con la posizione tedesca da sempre contraria a soluzioni di mutualizzazione del debito in assenza di cessione di pezzi di sovranità, ha ottenuto che alla BCE siano affidati poteri si sorveglianza e controllo e solo successivamente, il fondo ESM potrà intervenire direttamente sulle banche in difficoltà. Quindi ha vinto la BCE che, in tal senso, assumerà sempre più potere e un ruolo certamente più attivo. E chi ha perso?.Se si dovesse considerare che lo scudo antispread voluto da  Monti, avrebbe significato attribuire una licenza bancaria alla fondo salva stati, tale da consentirgli di finanziarsi dalla BCE e quindi disporre di risorse con multipli superiori a quelli attuali, in questo caso, al momento, l'Italia è l'unica sconfitta insieme al contribuente europeo,  chiamato nuovamente ad intervenire nel salvataggio di banche in fallimento."
                                         

                                      Il secondo più letto della settimana su Paperblog

Nessun commento:

Posta un commento